Benessereblog Benessere Dormire bene Cosa sono le apnee notturne e come riconoscerle

Cosa sono le apnee notturne e come riconoscerle

Cosa sono le apnee notturne e perché si verificano? Ecco alcune indicazioni utili sull’argomento.

Cosa sono le apnee notturne e come riconoscerle

Le apnee notturne, note anche come sindrome della Apnee ostruttive del sonno (OSAS), sono un disturbo piuttosto frequente, un disturbo che fin troppo spesso non viene identificato e diagnosticato in maniera adeguata, e che turba non solo le notti, ma anche le giornate di chi ne soffre. Tale disturbo comporta infatti una continua sonnolenza durante il giorno, a causa del sonno disturbato dall’interruzione della respirazione nel paziente, oppure da un suo rallentamento, durante la notte.

Generalmente, quando si verificano episodi del genere, il paziente passa da un sonno profondo ad un sonno leggero, con conseguente sonnolenza durante il giorno. Generalmente, a notare i primi segni di questa malattia sono i familiari che stanno a contatto con la persona che ne soffre. Fra i sintomi grazie ai quali riconoscere il problema, oltre alla perenne e comprensibile sonnolenza del paziente, vi è anche il “russamento” continuo e “sonoro”. Si registrano inoltre un frequente mal di testa al mattino, problemi di memoria, depressione, sbalzi d’umore e bocca molto secca al risveglio.

Il disturbo colpisce generalmente le persone anziane e quelle obese, ma – come vi abbiamo raccontato qui – non risparmia neanche i bambini.

Per trattare questo particolare problema, il medico potrebbe consigliare delle modifiche nello stile di vita del paziente, l’utilizzo di apparecchi ortodontici o di speciali dispositivi per favorire la corretta respirazione, un trattamento farmacologico o infine l’intervento chirurgico, la cui efficacia dipende comunque dal tipo di apnea di cui soffre il paziente, che può essere di tipo ostruttivo (ovvero quella più frequente, che si verifica quando le vie aeree sono occluse), di tipo centrale (che sarebbe dunque provocata da una perdita momentanea dello stimolo nervoso inviato ai muscoli respiratori durante il sonno), oppure mista (che inizia come centrale e si conclude come ostruttiva).

Foto | da Pinterest di HealthMeUp
via | Albanesi

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono le posizioni giuste per dormire bene
Dormire bene

Le posizioni ideali per un sonno di qualità sono quelle che supportano la curvatura naturale della colonna vertebrale. Dormire sulla schiena con un cuscino sotto la testa o in posizione fetale con le ginocchia piegate mantiene l’allineamento spinale. Queste posizioni riducono la pressione sulla colonna e aiutano a prevenire dolori e problemi di sonno, come le apnee notturne e il russamento, migliorando la qualità del riposo notturno e consentendoci di svegliarci riposati.