Lo yoga fa bene anche al cuore degli anziani

Lo yoga fa bene anche al cuore degli anziani

Lo yoga può davvero proteggere la salute del cuore: ecco i risultati di un importante studio.

Lo yoga fa bene anche al cuore delle persone con fibrillazione atriale, un disturbo del ritmo cardiaco che può aumentare il rischio di ictus e quello di morte. Ad esplorare gli effetti benefici dello yoga per la salute dei pazienti con fibrillazione atriale sono stati i membri della European Society of Cardiology, i quali spiegano che questa condizione può essere molto difficile da tollerare.

I sintomi della fibrillazione atriale comprendono infatti palpitazioni, battito cardiaco accelerato o irregolare, mancanza di respiro, stanchezza, dolore toracico e vertigini. Tali sintomi possono essere angoscianti, poiché fanno la loro comparsa all’improvviso, causando non poca ansia nei pazienti.

Per il loro studio, gli autori hanno esaminato un campione di 538 pazienti, i quali sono stati arruolati fra il 2012 e il 2017. Inizialmente i pazienti non hanno svolto alcun tipo di yoga per un periodo di 12 settimane, per poi prendere parte a delle lezioni da 30 minuti per un periodo di 16 settimane. Durante l’intero arco di tempo, gli esperti hanno valutato i sintomi e gli episodi di fibrillazione atriale, ed hanno quindi confrontato i risultati durante il periodo di yoga e durante il periodo in cui non è stata svolta questa particolare disciplina.

Ebbene, dallo studio è emerso che durante il periodo di yoga i pazienti hanno sperimentato miglioramenti significativi in tutte le aree rispetto al periodo in cui non hanno svolto questa attività. Se durante le settimane di inattività si sono verificati mediamente 15 episodi sintomatici di fibrillazione atriale, durante le settimane di yoga ne sono stati registrati quasi la metà, ovvero otto.

Gli autori hanno osservato anche dei miglioramenti nei livelli della pressione sanguigna.

Il nostro studio suggerisce che lo yoga offre benefici per la salute fisica e mentale ad ampio raggio per i pazienti con fibrillazione atriale e che potrebbe essere aggiunto alle consuete terapie.

via | ScienceDaily
Foto di Zaid Pro da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog