Benessereblog Benessere Psicologia 6 consigli per superare la paura di volare

6 consigli per superare la paura di volare

Come gestire la paura di volare per non lasciarsi investire dall’emozione e dall’ansia rovinando il viaggio?

6 consigli per superare la paura di volare

Volare fa paura. Per raggiungere alcune destinazioni è indispensabile, ci sono viaggi di grande fascino, ma secondo un sondaggio realizzato da Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico), a cui hanno risposto 568 persone di ambosessi dai 25 ai 65 anni, la paura di volare colpisce più del 65% delle persone.

Lo staff di Bioequilibrium, ormai alla vigilia delle ferie, ha diffuso sei importanti consigli che possono migliorare il viaggio ad alta quota. Servono a rilassarsi e a vivere meglio l’esperienza.

  • 1) Chiedere informazioni a bordo: molto spesso le informazioni si fraintendono. Quindi, prima di avere un attacco di panico, è meglio chiedere conferma di ciò che si è capito, senza vergogna.
  • 2) Evitare di consumare sostanze che possono eccitare come il caffè.
  • 3) Concentrarsi su altro: evitare di pensare ossessivamente al volo alimentando così l’ansia e la paura. Potreste ascoltare della musica rilassante o magari leggere un libro. Sul volo sicuramente trasmetteranno un film… provate a concentravi su altro.
  • 4) Prima di un viaggio, cercare di riposare bene. La mancanza di sonno non fa bene alla salute, soprattutto favorisce lo stress e il nervosismo.
  • 5) Affidarsi al personale di bordo. In caso di paura chiedere aiuto: le hostess sono addestrate anche per gestire questo genere di emergenza.
  • 6) Frequentare dei corsi per imparare a gestire l’ansia.

Le paure purtroppo sono irrazionali e non sono facili da gestire. Non nasconderle, perché controllarle in modo ossessivo potrebbe non essere salutare. Siate naturali.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Stress scolastico? Ecco come aiutare i bambini e i ragazzi
Psicologia

Lo stress scolastico è un disturbo piuttosto comune. Lo possono provare alunni e studenti di ogni età e frequentanti tutte le scuole, di ogni ordine e grado. Le cause scatenanti possono essere molte, così come numerosi sono i sintomi. Abbiamo rivolto alcune domande alla psicologa, in modo da capire come affrontare e risolvere il problema. Ecco cosa ci ha risposto.