Cancro al seno, arriva l’algoritmo che calcola i rischi

Cancro al seno, arriva l’algoritmo che calcola i rischi

Allo Ied di Milano è stato creato un algoritmo per valutare i rischi legati al cancro al seno e scegliere la terapia più efficace dopo l'intervento chirurgico.

La prevenzione e la cura del cancro al seno sono di primaria importanza per la ricerca scientifica, troppe donne si ammalano e muoiono ogni giorno e servono protocolli e terapie adatti a ogni singolo caso. I ricercatori hanno creato un algoritmo per calcolare il rischio e di recidive che aiuta i medici a dare ai pazienti le cure più efficaci.

Tramite questo algoritmo, i medici dovrebbero essere in grado di dare ai pazienti le terapie più corrette in base alla loro patologia, evitando così sia il sovra che il sotto-trattamento nelle terapie dopo la chirurgia. Questo algoritmo è stato creato nell’ambito del Programma di Novel Diagnostics dell’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) di Milano, da Pier Paolo di Fiore e Salvatore Pece, con il sostegno della Fondazione Airc.

Questo nuovo protocollo si basa sia sui dati genetici che su quelli clinici, sullo stato di salute dei linfonodi e la dimensione del tumore, parametri che indicano l’aggressività del tumore e quindi danno delle indicazioni sulla sua possibile evoluzione.

La ricerca ha fatto passi da gigante negli ultimi anni e questo nuovo algoritmo promette di migliorare la qualità della vita di tante donne che lottano contro il tumore al seno.

Dare terapie efficaci è essenziali, a volte si opta per farmaci e protocolli più pesanti per eliminare ogni rischio, altre volte se la paziente ha risposto male alle terapie si sceglie una strada più soft. Non sempre però le scelte fatte si rivelano le più giuste, e questo algoritmo dovrebbe aiutare a scegliere la strada migliore. È già stato testato su 1800 donne e ha dato ottimi risultati.

via | repubblica
Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog