Benessereblog Alimentazione Tè, vino e cioccolato, la ricetta per migliorare il nostro cervello

Tè, vino e cioccolato, la ricetta per migliorare il nostro cervello

Non sono solo buoni, ma anche in grado di migliorare il funzionamento del nostro cervello. Secondo una ricerca condotta dall’Università di Oxford, una tazza di tè, una barretta di cioccolato e un bicchiere di vino contribuiscono a potenziare le capacità cognitive del nostro cervello, grazie ai flavonoidi, sostanze che rallentano la progressiva atrofia delle cellule.La […]

Tè, vino e cioccolato, la ricetta per migliorare il nostro cervello

Non sono solo buoni, ma anche in grado di migliorare il funzionamento del nostro cervello. Secondo una ricerca condotta dall’Università di Oxford, una tazza di tè, una barretta di cioccolato e un bicchiere di vino contribuiscono a potenziare le capacità cognitive del nostro cervello, grazie ai flavonoidi, sostanze che rallentano la progressiva atrofia delle cellule.

La ricerca si è basata su più di 2 mila anziani, di età compresa tra i 70 e i 74 anni, ai quali sono stati somministrati dei test cognitivi dopo aver svolto un sondaggio sulle loro abitudini alimentari. Dai risultati, i consumatori di questi tre alimenti riportavano un punteggio più alto nei test.

Ma attenzione, il consumo di queste sostanze deve essere moderato per far si che queste siano efficaci contro l’invecchiamento. Una loro assunzione esagerata, infatti, potrebbe avere l’effetto opposto. Andrebbero quindi consumati massimo 10 grammi di cioccolata e 75-100 ml di vino al giorno. Per il tè, invece, i test miglioravano con l’aumentare della dose giornaliera.

Foto | Rob Qld

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Stress scolastico? Ecco come aiutare i bambini e i ragazzi
Psicologia

Lo stress scolastico è un disturbo piuttosto comune. Lo possono provare alunni e studenti di ogni età e frequentanti tutte le scuole, di ogni ordine e grado. Le cause scatenanti possono essere molte, così come numerosi sono i sintomi. Abbiamo rivolto alcune domande alla psicologa, in modo da capire come affrontare e risolvere il problema. Ecco cosa ci ha risposto.