Mascherine, mai tenerle in tasca o in giro per casa

Le indicazioni sul corretto utilizzo delle mascherine con i consigli dell'Istituto Superiore di Sanità.

Mascherine

Le mascherine sono obbligatorie nei luoghi chiusi e in generale dove non è possibile garantire il distanziamento sociale. Le mascherine non devono essere fashion, con stampe carine e alla moda, devono essere efficaci: proteggerci e proteggere gli altri. Le mascherine vanno scelte e utilizzate con cura, in base a dove dobbiamo utilizzarle, per quante tempo e al tipo di lavoro che facciamo potrebbe essere utile optare per quelle filtranti.

L'Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato un focus dedicato proprio al corretto uso delle mascherine. Le mascherine non sono come una sciarpa o un cappellino che possiamo posare ovunque, sono dei presidi medici e per funzionare in modo efficace vanno maneggiati con attenzione. Le mascherine vanno toccate solo dai laccetti laterali e sempre con le mani pulite, quando si tolgono vanno staccate sempre dai laccetti e poi riposte in un contenitore pulito. Può andar bene anche una bustina con chiusura ermetica per alimenti o quella in cui era confezionata.

Le mascherine sono importanti nel contenimento dell’infezione da Covid-19 ma non sostituiscono le altre regole da applicare ogni giorno e cioè il distanziamento fisico e l'igiene delle mani.
È molto importante, con o senza mascherine, non toccare il viso, il naso, gli occhi e la bocca se non dopo aver lavato le mani con acqua e sapone o averle disinfettate con un igienizzante a base alcolica.

Le mascherine non vanno usate dai bambini al di sotto dei due anni, tra i tre e i sei sono facoltative e a discrezione dei genitori. Dai sei anni in su sono invece obbligatorie.

Le mascherine si smaltiscono nei rifiuti indifferenziati.

Foto | Pixabay
Via | Ansa

  • shares
  • Mail