La dieta vegetariana è un ottimo rimedio contro le malattie croniche

Allarmante il numero di decessi causati da malattie legate ad una cattiva alimentazione! Secondo l'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ben il 63% delle morti avvenute nel 2008 sono riconducibili a patologie croniche, quali diabete di tipo 2, alcuni tipi di cancro, malattie cardiache, obesità (l'eccesso di peso patologico ormai è una vera e propria epidemia). Il dato confortante, però, è che vale anche l'associazione opposta: è infatti altamente improbabile che chi segue un'alimentazione sana muoia a causa di malattie croniche.

In particolare, una dieta vegetariana, più in generale una dieta ricca di spezie, frutta e verdura protegge dal rischio di insorgenza di malattie croniche. Lo afferma Toni Tarver in un recente articolo comparso sulla rivista scientifica Food Technology.

Harver illustra le scoperte più recenti nel campo della nutrigenomica, spiegando che i composti bioattivi contenuti nei cibi di origine vegetale giocano un ruolo chiave nel tenere sotto controllo i fattori di rischio delle malattie croniche. Basti pensare agli antiossidanti contenuti in frutta e verdura che contrastano i radicali liberi. I radicali liberi causano infiammazione cronica e danneggiano pesantemente le cellule. Diversi altri composti bioattivi aiutano a controllare un gene legato alle malattie cardiovascolari ed all'accumulo di placche nelle arterie. Altri combattono i componenti cellulari responsabili della formazione e della crescita dei tumori.

Il cibo sano è a tutti gli effetti una medicina, uno dei migliori farmaci in circolazione proprio perché lo assumiamo ogni giorno, non ha effetti collaterali e agisce sul fronte più importante per la riduzione della mortalità: la prevenzione. Il dottor William W. Li, Presidente della Fondazione Angiogenesi a Cambridge, suggerisce di fare attenzione alla nostra dieta. Gli alimenti che possono aiutare a prevenire il cancro e le altre malattie croniche includono carciofi, pepe nero, cannella, aglio, lenticchie, olive, zucca, rosmarino, timo e crescione.

Foto | Getty

  • shares
  • Mail