Benessereblog Salute Malattie Trombosi venosa profonda: sintomi, cause e cure

Trombosi venosa profonda: sintomi, cause e cure

Trombosi venosa profonda: sintomi, cause e cure

Fonte immagine: Foto di Narupon Promvichai da Pixabay

La trombosi venosa profonda (TVP) è una malattia potenzialmente molto grave e persino letale se non identificata e trattata in tempo. La trombosi venosa profonda ha luogo quando si forma un coagulo di sangue (detto anche trombo) in una vena profonda del nostro corpo.

Normalmente un simile fenomeno colpisce gli arti inferiori (ad esempio le gambe, il bacino o il polpaccio), ma la TVP può colpire anche gli arti superiori, con sintomi molto simili. Ciò accade però in una percentuale minore di casi, ovvero dal 4 al 13% di tutti i casi di trombosi venosa profonda.

Abbiamo visto che questa malattia è considerata molto seria, questo perché in alcuni casi i coaguli di sangue che si formano nelle vene profonde possono staccarsi arrivando fino ai polmoni, dove potrebbero bloccare il normale flusso sanguigno e causare un’embolia polmonare.

Ma quali sono i sintomi da tenere sotto controllo? Come capire se si ha una trombosi? E soprattutto, chi corre più rischi di soffrire di TVP? Vediamo da vicino tutto ciò che bisogna sapere su questa condizione.

Chi è più a rischio?

Questa condizione colpisce con maggiore frequenza – ma non esclusivamente – le persone anziane. Tuttavia può colpire individui di ogni età se si presentano dei fattori di rischio importanti. Ma di quali fattori stiamo parlando? Vediamo quali sono i più rilevanti:

  • Rimanere per lungo tempo in posizione seduta o sdraiata
  • Soffrire di malattie ereditarie che influenzano la coagulazione del sangue
  • Essersi sottoposti a interventi chirurgici o aver subito dei traumi in precedenza
  • Fumo di sigaretta
  • Gravidanza
  • Essere in sovrappeso o obesi
  • Assunzione di farmaci (ad esempio, la pillola anticoncezionale o la terapia ormonale sostituiva possono aumentare il rischio di trombosi venosa profonda)
  • Arresto cardiaco
  • Alcuni tumori.

Cosa succede quando si ha la trombosi? Sintomi e segni da riconoscere

Fonte: Foto di Narupon Promvichai da Pixabay

Non sempre questa condizione causa dei sintomi particolari. In molti casi infatti la TVP è asintomatica. Quando iniziano a manifestarsi i sintomi, possono consistere in una sensazione di dolore e pressione al torace e in problemi respiratori. Ciò potrebbe indicare la presenza di un’embolia polmonare in corso.

Quando esiste una sintomatologia evidente, i sintomi della trombosi possono causare disturbi che colpiranno la gamba, la caviglia, il polpaccio o il braccio. Tali disturbi consistono in:

  • Gonfiore
  • Dolore alla palpazione
  • Sensazione di calore nella zona interessata
  • Crampi
  • Cambiamenti del colore della pelle (che apparirà pallida, cianotica o arrossata)
  • Dolore ai muscoli
  • Sensazione di pesantezza nell’arto interessato.

Quali sono le possibili conseguenze?

Fra le più gravi complicanze della trombosi venosa profonda vi sono la già citata embolia polmonare e il rischio di insufficienza venosa cronica o sindrome postflebitica. Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta esattamente:

  • Embolia polmonare: questa condizione si verifica quando un coagulo di sangue si stacca formando un embolo, che viaggiando attraverso i vasi sanguigni andrà a bloccare la circolazione nei vasi sanguigni polmonari. Le conseguenze dell’embolia polmonare possono essere molto gravi, persino letali se la condizione non viene trattata tempestivamente.
  • Insufficienza venosa cronica: questa condizione può causare gonfiore, alterazioni cutanee e fastidio agli arti inferiori. Si verifica quando il sangue delle vene non riesce a ritornare al cuore dopo essere arrivato fino agli arti inferiori. Si tratta di una condizione diffusa in particolar modo fra le donne.

Come avviene la diagnosi di trombosi venosa profonda?

La trombosi venosa profonda viene spesso confusa con un’altra condizione chiamata “flebite”. In realtà si tratta però di due patologie differenti: trombosi e flebite non sono la stessa cosa. Nel caso della flebite, infatti si verifica un’infiammazione a carico di una vena, che può essere causata da un trombo, ma anche da altre cause, come ad esempio danni alle pareti dei vasi sanguigni o la presenza di vene varicose.

Giungere a una corretta diagnosi di TVP è estremamente importante vista la gravità di questa condizione e le conseguenze che essa comporta.

Per diagnosticare la TVP saranno necessari alcuni esami, come l’ecografia Doppler per misurare il flusso nei vasi sanguigni. A questo esame andrà abbinato anche il test per misurare il d-dimero, considerato un valido indicatore di rischio. Il d-dimero è infatti una sostanza composta da frammenti proteici che vengono rilasciati in seguito alla degradazione dei coaguli.

In presenza di un d-dimero alto, potrebbe essere presente una elevata formazione e degradazione dei trombi, mentre in caso di valori nella norma il paziente non dovrebbe presentare una trombosi venosa profonda.

Trombosi venosa profonda: terapia

Trombosi venosa profonda
Fonte: Foto di Parentingupstream da Pixabay

Ma come curare la trombosi venosa profonda? Abbiamo visto che una celere diagnosi è fondamentale per prevenire le possibili conseguenze di questa condizione, a cominciare dal rischio di embolia polmonare. Il trattamento per questa malattia prevede generalmente la somministrazione di farmaci anticoagulanti e quella di farmaci trombolitici. Il primo è considerato in genere l’approccio più comune.

Solo di rado si rende necessario il ricorso alla chirurgia.

Si guarisce dalla trombosi venosa profonda?

Ma è possibile guarire dalla TVP? Molti pazienti si pongono comprensibilmente questa domanda. La risposta non è però la stessa per ognuno di loro. In generale è possibile guarire dalla trombosi venosa profonda, ma come spesso accade a entrare in gioco sono diversi fattori, come la gravità delle condizioni iniziali, la sede interessata, l’età e lo stato di salute generale del paziente, la velocità con cui è stata effettuata la diagnosi e con cui sono iniziati i trattamenti e il tipo di terapia impiegato.

Questi fattori influenzeranno anche i tempi di guarigione, che non possono quindi essere previsti con esattezza.

Come prevenire la TVP

Conoscere i fattori che aumentano il rischio di trombosi può senza dubbio fornire già una prima indicazione per una corretta prevenzione. Di seguito vogliamo però segnalarti una serie di consigli e linee guida da seguire per ridurre ulteriormente il rischio e proteggere la tua salute:

  • Assumere farmaci e trattamenti medici seguendo attentamente le indicazioni fornite dal tuo medico
  • Mantenere un peso sano
  • Evitare il fumo di sigaretta
  • Tenere sotto controllo la propria salute
  • Mantenersi fisicamente attivi
  • Se si è impossibilitati a muoversi (a causa di un viaggio lungo in aereo, di un periodo di convalescenza e altre condizioni), eseguire regolarmente dei movimenti con le gambe e degli esercizi di allungamento.
  • Assumere farmaci anticoagulanti, come l’eparina: ciò vale naturalmente solo se è il medico a consigliarlo, e solo nei soggetti ad alto rischio di trombosi.

Trombosi venosa profonda e dieta

Esistono dei cibi per ridurre il rischio di trombosi? In generale non è necessario seguire una dieta specifica. Sarà infatti sufficiente seguire le consuete regole per un sano stile di vita (anche a tavola), come bere le giuste quantità di acqua (almeno 2 litri al giorno), limitare l’assunzione di grassi nocivi, di sale, cibi zuccherati e lavorati, e bere alcol con moderazione.

A tavola porta alimenti come frutta e verdura, cereali integrali e carni e fonti proteiche magre.

Scopri tutto quello che devi sapere sulla flebotrombosi.

Cosa devi sapere sulla trombosi venosa profonda

Una trombosi venosa profonda (TVP) si verifica quando vi è un coagulo di sangue in una vena. Generalmente la TVP interessa le vene profonde degli arti inferiori (ad esempio una gamba, il polpaccio o la caviglia), ma in casi più rari può colpire anche gli arti superiori (come un braccio).

In ogni caso, quando si verifica, questa condizione può arrivare a bloccare il flusso sanguigno, causando sintomi come:

  • Gonfiore
  • Dolore nella parte interessata
  • Senso di pesantezza all’arto
  • Cambiamenti nel colore della pelle
  • Pressione al torace e problemi respiratori: sintomo che potrebbe essere in corso un’embolia polmonare, una delle più gravi conseguenze della trombosi venosa profonda. Questa condizione può causare danni molto gravi e permanenti, e può persino mettere a rischio la vita del paziente.

Fra le principali cause della TVP vi sono dei cambiamenti o rallentamenti del flusso sanguigno, causati ad esempio da un periodo prolungato di immobilità, ma anche dall’assunzione di alcuni farmaci, dalla genetica, da un eccessivo peso corporeo o dalla presenza di malattie sottostanti.

Se avverti alcuni dei sintomi che ti abbiamo appena elencato, chiedi immediata assistenza medica per scongiurare il rischio di conseguenze gravi.

Tra le arteriopatie ostruttive croniche esiste anche la Sindrome di Leriche, mentre la Sindrome da anticorpi antifosfolipidi è considerata una condizione clinica che può predisporre trombosi: scopri di più nei nostri approfondimenti di Benessereblog.

Seguici anche sui canali social