Benessereblog Salute Tumori, i pazienti italiani spendono 5 miliardi ogni anno

Tumori, i pazienti italiani spendono 5 miliardi ogni anno

Quanto spendono di tasca loro i pazienti italiani che soffrono di tumore? Le stime parlano di 5 miliardi di euro all'anno.

Tumori, i pazienti italiani spendono 5 miliardi ogni anno

Qual è la spesa dei pazienti italiani che devono affrontare un tumore? Quanto tirano fuori dalle tasche ogni anno tra visite mediche, trattamenti e altro? Secondo le più recenti stime una cifra altissima, pari a circa 5 miliardi di euro. Il Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici, giunto alla sua 11esima edizione, è stato presentato in Senato in occasione della Giornata nazionale del malato oncologico. Gli italiani ogni anno spendono di tasca propria quasi 5 miliardi di euro.

I malati di tumore in Italia sono quasi 3.300mila. Rica 700mila sono in trattamento. Secondo la FAVO per questi pazienti il Sistema Sanitario Nazionale spende il 14% della spesa sanitaria complessiva, circa 16 miliardi di euro il dato stimato al 2018. L’impegno pubblico è evidente, ma spesso chi soffre di cancro deve purtroppo fare i conti con spese che non sono coperte o per sopperire a possibili mancanzi di tipo medico o di tipo assistenziale.

Il report ci informa che le spese maggiori sono quelle destinate alle visite mediche (1,1 mld) e a trasporti e soggiorni in luoghi di cura che magari sono lontani dal proprio domicilio (1,5 mld). Le voci che seguono sono quelle relative ai farmaci (808 milioni) e agli interventi ricostruttivi (425 milioni).

La Favo ha condotto un’indagine che svela nel dettaglio quanto spendono i malati. Sono stati intervistati 1200 malati e 1200 caregiver. Il 57,5% dei malati, circa 1milione e 900 mila pazienti affetti da cancro, ha speso in media 406 euro l’anno per visite e accertamenti diagnostici. Il 39,3%, circa 1 milione e 300mila malati, ha speso per i trasporti in media 797,5 euro. Il 15,7%, 518mila malati, ha tirato fuori per vitto e alloggio in media media 1.180 euro in un anno e il 4,9% (pari a quasi 162mila malati) ha speso in media 2.603,5 euro a prestazione per la chirurgia ricostruttiva.

Foto iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.