Benessereblog Salute Domperidone: indicazioni ed effetti collaterali

Domperidone: indicazioni ed effetti collaterali

Il Domperidone è un farmaco in vendita in compresse che servono per il trattamento di diverse patologie. Scopriamo insieme cosa possiamo leggere nel foglietto illustrativo.

Domperidone: indicazioni ed effetti collaterali

Il Domperidone è un farmaco che viene utilizzato per il trattamento dei sintomi di nausea, vomito, senso di pienezza epigastrica, disturbi del tratto addominale superiore, rigurgito gastrico. Può essere usato anche nei bambini per il trattamento di sintomi come nausea e vomito.

Qual è la posologia del Domperidone? Il farmaco, va usato esclusivamente prima dei pasti, perché dopo i pasti l’assorbimento potrebbe risultare più lento e ritardato. Negli adulti e negli adolescenti con più di 12 anni e con più di 35 chilogrammi di peso, vanno prese da 1 a 2 comrpesse da 10 milligrammi da 3 a 4 volte al giorno, con dose massima di 80 milligrammi e per un perodo di trattamento totale di quattro settimane.

Se dopo quattro settimane di trattamento con Domperidone la situazione non migliora è bene contattare il proprio medico. Nei neonati e nei bambini, invece, va usata una dose di 0.25-0.5 milligrammi al chilogrammo da 3 a 4 volte al giorno con dose massima di 2.4 milligrammi al chilogrammo. Ma è sempre bene seguire le indicazioni del proprio medico.

Il Domperidone non va usato in caso di ipersensibilità verso il principio attivo o uno dei componenti, di tumore ipofisario prolattino-secernente, di emorragie gastrointestinali, occlusione meccanica o perforazione.

Infine, gli effetti collaterali del Domperidone possono riguardare disturbi del sistema immunitario, patologie endocrine, disturbi psichiatrici, patologie del sistema nervoso, patologie cardiache, patologie gastrointestinali, patologie della cute e del tessuto sottocutaneo, patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella.

Via | Torrinomedica

Foto | da Flickr di limowreck666

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.