Benessereblog Salute Alex Maria Montresor è guarito

Alex Maria Montresor è guarito

Il piccolo Alex Maria Montresor è guarito: è tornato a casa e, dopo l'intervento al Bambin Gesù di Roma, tutto procede bene.

Alex Maria Montresor è guarito

Alex Maria Montresor è guarito. Il piccolo Alex è tornato a casa e le sue condizioni migliorano giorno dopo giorno. Dopo il trapianto dello scorso mese di dicembre all’ospedale Bambino Gesù di Roma, con l’utilizzo delle cellule del papà, è la stessa struttura sanitaria italiana a darci questa bella notizia, con le parole rilasciate da Franco Locatelli, primario del Dipartimento di oncoematologia e terapia cellulare e genica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, all’AdnKronos Salute. Alex, infatti,

è ufficialmente guarito, il suo sistema immunitario è sano. È un traguardo enorme per il tipo di trapianto e per il caso molto difficile. E la soddisfazione è enorme.

Alex soffriva di una rara malattia, la linfoistiocitosi emofagocitica (HLh). Dopo il trapianto delle cellule staminali emopoietiche del padre e una gara di solidarietà per trovareun donatore compatibile, il bambino è stato dimesso il 24 gennaio dall’ospedale. I controlli fanno ben sperare, perché il piccolo sta davvero meglio. Primadoveva fare dei controlli ogni settimana. Adesso, visto che tutto procede bene, ogni 15 giorni.

A quattro mesi dal delicato trapianto, i medici sono soddisfatti. E il piccolo è tornato a vivere la sua vita. Gli è stato tolto il catetere venoso centrale usato per prelievi e infusioni di midollo. Ed è guarito.

Ha un sistema immunitario perfetto. In ematologia si parla di chimerismo completo. Le cellule del donatore si sono del tutte sostituite a quelle malate che non avrebbero consentito ad Alex di sopravvivere.

Spiega il medico, che si è detto assolutamente felice “di poter impreziosire con questa guarigione la Pasqua della famiglia Montresor e del Bambino Gesù”.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.