Benessereblog Salute Variante Delta Covid più trasmissibile e non basta una sola dose di vaccino

Variante Delta Covid più trasmissibile e non basta una sola dose di vaccino

Variante Delta Covid più trasmissibile e non basta una sola dose di vaccino

La variante Delta del Covid fa paura, lo fa più che altro la sua maggiore trasmissibilità e la velocità con cui si sta diffondendo in Italia. Se a maggio il 4,2% delle infezioni da Coronavirus era imputabile ad essa, a giugno il dato è salito al 16,8%. I casi sono quadruplicati nel giro di un mese e, secondo il fisico Roberto Battiston dell’Università di Trento, ad agosto si potrebbe assistere ad un ulteriore aumento.

Da una parte è decaduto l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto, ma dall’altra il Ministero della Salute insiste sull’importanza di tenerla sempre a portata di mano. Per il Ministro, Roberto Speranza, resta infatti uno strumento indispensabile per tenere sotto controllo il virus. Questo e il mantenimento di comportamenti sempre attenti, senza abbassare il livello di guardia.

In più, la variante Delta sembrerebbe anche meno sensibile all’azione di una sola dose di vaccino. Per questo motivo il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, il dottor Franco Locatelli, insiste sulla necessità di completare il ciclo vaccinale per stare davvero tranquilli:

Una sola dose di vaccino non copre adeguatamente. La variante solleva preoccupazione perché è più contagiosa e può provocare patologie significative nei soggetti non vaccinati o in chi ha una sola dose di vaccino. Per questo è importante progredire con la campagna

E non esclude neppure l’istituzione di nuove zone rosse per fronteggiare il dilagare di questa nuova variante. Ma sottolinea anche l’importanza del tracciamento sul territorio. Quello che sappiamo è che la Delta è del 40/60% più trasmissibile dell’Alfa e questo fa temere una nuova massiccia ondata di ricoveri.

Variante Delta: la situazione dei vaccini

In una circolare del Ministero della Salute viene riportato:

Vi sono evidenze che, quanti hanno ricevuto solo la prima dose di una vaccinazione che prevede la somministrazione di due dosi per il completamento del ciclo vaccinale, sono meno protetti contro l’infezione con la variante Delta rispetto all’infezione da altre varianti, indipendentemente dal tipo di vaccino somministrato

Quindi, non c’è un vaccino a doppia dose più efficace di un altro per contrastare questa variante del Covid, ma è essenziale che il ciclo vaccinale sia completo per potersi dire sicuri di contrastarla. E, come suggerito dal Ministro Speranza, è importante non abbassare comunque l’allerta. Ma neppure la cara amica mascherina.

Via | ANSA

Foto | Getty Images

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social