Benessereblog Variante Delta Covid: cos’è e quali sono i sintomi

Variante Delta Covid: cos’è e quali sono i sintomi

Variante Delta Covid: cos’è e quali sono i sintomi

Da quando ne abbiamo sentito parlare la prima volta, sono emerse numerose mutazioni del Covid 19. La variante Delta è l’ultima in ordine cronologico: è stata isolata nel dicembre del 2020 in India. A quanto confermato dagli esperti, è preoccupante in quanto considerata più trasmissibile di altre: si è già diffusa in almeno 62 paesi. Ad oggi sarebbe la responsabile, nel Regno Unito, del 91% dei nuovi casi.

Cos’è la variante Delta?

La variante Delta è la replica del virus originale con alcune differenze – mutazioni – che lo hanno reso più forte, più contagioso. La Delta è la quarta variante globale preoccupante. In Italia, ad oggi, se ne conoscono pochi casi. Nel Regno Unito, invece, è il ceppo dominante. La variante Delta è conosciuta come l’ex variante indiana.

Variante Delta Covid: cos'è e quali sono i sintomi

Quali sono i sintomi?

Come un po’ tutte le varianti del Coronavirus, anche in questo caso la maggior parte dei sintomi è simile e comprende:

  • Febbre e brividi
  • Dolori muscolari o muscolari
  • Gola infiammata o tosse
  • Mancanza di respiro o difficoltà a respirare
  • Fatica
  • Mal di testa
  • Perdita del gusto o dell’olfatto
  • Congestione o naso che cola
  • Nausea o vomito
  • Diarrea

Se la maggior parte dei sintomi è simile a quelli provocati dalle altre varianti, i medici che curano i pazienti in India hanno riportato come alcuni di questi abbiano perso l’udito ed abbiano riportato gonfiore intorno al collo e tonsillite. I coaguli di sangue sono una complicazione preoccupante del COVID-19: si sospetta che i numerosi constatati negli ultimi tempi in pazienti malati di Covid possano essere dovuti a questa nuova variante.

I vaccini COVID proteggono contro la variante Delta?

È troppo presto per dire con certezza se i vaccini COVID approvati proteggano dalla variante delta, anche se i primi dati sembrano essere promettenti. Secondo una ricerca pubblicata su Lancet, sarebbe stato rilevato come i vaccini riducano il rischio di ospedalizzazione. Per riscontrare effetti considerevoli, tuttavia, occorrono 28 giorni dopo la somministrazione della prima dose. Il Pfizer fornisce una protezione del 79% (contro il 92% nel caso di variante inglese). L’AstraZeneca, invece, del 60% contro il 73.

Photo | Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social