Benessereblog Salute Sciopero dei medici e degli anestesisti a novembre

Sciopero dei medici e degli anestesisti a novembre

Il 9 Novembre si terrà uno sciopero che interesserà i medici della sanità pubblica. Ecco tutti i dettagli.

Sciopero dei medici e degli anestesisti a novembre

Il 9 Novembre 2018 si terrà uno sciopero che interesserà i medici della Sanità Pubblica. Le principali motivazioni che hanno portato allo sciopero del 9 Novembre sono l’insufficienza di risorse per il Fondo sanitario Nazionale del 2019, necessarie per garantire i nuovi Lea ai cittadini; il mancato incremento delle risorse destinate all’assunzione del personale della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria nel Sistema Sanitario Nazionale; la mancanza di risorse da assegnare al finanziamento dei contratti di lavoro; i ritardi amministrativi nei processi di stabilizzazione del precariato del settore sanitario e il mancato finanziamento aggiuntivo per i contratti di formazione specialistica.

L’astensione dal servizio medico avrà una durata di 24 ore, ma gli esperti assicurano che sarà comunque garantita la disponibilità per le prestazioni indispensabili, come garantito dalla Legge.

Con buone probabilità, si terrà inoltre un secondo sciopero, che questa volta coinvolgerà invece i medici del sindacato degli anestesisti e rianimatori. Lo sciopero è previsto per il 23 novembre 2018, ma in questo caso a protestare saranno i medici del sindacato Aaeroi-Emac (Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani – Emergenza Area Critica) .

Le problematiche relative alle cifre sui fondi richiesti per la sanità devono trovare al più presto una soluzione,

e un serio impegno da parte del Governo e delle Regioni, per affrontare le criticità che stanno portando al collasso il sistema sanitario, prima fra tutte la corsa al pensionamento e la fuga dei medici ospedalieri verso il privato, nati dal disagio lavorativo crescente e dall’assenza persistente di un rinnovo contrattuale. E’ in gioco

spiegano i sindacati

non solo il futuro di un lavoro al servizio di un bene costituzionalmente tutelato, ma anche quello della sanità pubblica e nazionale.

via | AdnKronos, Ansa

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Tachifludec: quando e come assumerlo
Salute

A cosa serve il Tachifludec, quali sono i suoi principi attivi e quando va preso? Approfondiamo gli usi del farmaco in caso di mal di testa, mal di gola e tosse, la differenza che intercorre con la Tachipirina – con la quale ha in comune il paracetamolo – e le controindicazioni e gli effetti collaterali di uno dei migliori medicinali contro influenza, raffreddore e malanni stagionali in genere.