Benessereblog Salute Ilva, le emissioni sono un pericolo per la salute

Ilva, le emissioni sono un pericolo per la salute

Ilva, le emissioni sono un pericolo per la salute

L’inquinamento provocato dalle emissioni dell’Ilva di Taranto sono un pericolo per la salute. A stabilirlo è stata la Corte di Strasburgo, che ha accolto il ricorso presentato da 182 cittadini tarantini in seguito ai danni che avrebbero subito dalle emissioni di quella fabbrica. La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha stabilito

il persistente inquinamento causato dalle emissioni dell’Ilva ha messo in pericolo la salute dell’intera popolazione, che vive nell’area a rischio.

Sottolineando anche che

le autorità nazionali non hanno preso tutte le misure necessarie per proteggere efficacemente il diritto al rispetto della vita privata dei ricorrenti.

Di fatto la Corte ha stabilito che sono stati violati gli articoli 8 e 13 e quindi l’Italia è stata condannata a pagare un risarcimento di 5mila a ognuno dei ricorrenti accettati dai giudici. La Corte richiede poi che lo stato italiano metta in atto tutta una serie di misure per garantire la protezione della salute delle persone e anche dell’ambiente. E il tutto deve avvenire il più in fretta possibile.

Daniela Spera, portavoce di Legamjonici che ha promosso il primo dei due ricorsi alla corte di Strasburgo, sottolinea che finalmente “Taranto ha ottenuto giustizia“.

Soddisfazione anche per Angelo Bonelli dei Verdi:

La condanna dell’Italia da parte della Corte di Strasburgo, conferma che il movimento ambientalista e i Verdi avevano e continuano ad avere ragione nel denunciare la violazione dei diritti dei cittadini tarantini nel diritto alla salute e alla tutela dell’ambiente. In questi anni sono state fatte proroghe su proroghe che hanno disapplicato la legislazione ambientale e sanitaria in quella città e il ministro Calenda, il ministro Di Maio dovrebbero chiedere scusa a Taranto e all’Italia, il primo per aver proposto l’immunità penale agli acquirenti Ilva oggi Arcelor Mittal, il secondo per aver confermato questa norma e aver peggiorato il piano ambientale.

Via | Ansa

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social