Benessereblog Salute TSH reflex: cos’è e quali sono i valori normali o alterati

TSH reflex: cos’è e quali sono i valori normali o alterati

TSH reflex: cos’è e quali sono i valori normali o alterati

Fonte immagine: Pexels

Il TSH Reflex è un esame che serve per monitorare il dosaggio di TSH, un ormone prodotto dall’ipofisi anteriore, nel sangue. E’ un test per nulla invasivo, che si esegue presso un comune laboratorio di analisi. Non è pericoloso né doloroso: può al massimo provocare una sensazione di pizzicore al momento dell’introduzione dell’ago della siringa nel braccio. Nulla di più. Ma cosa indica il valore TSH? E cosa lo altera? Approfondiamo l’argomento.

Cos’è il TSH

Con il termine TSH – tireotropina – si indica un ormone tireotropo secreto dalle cellule tireotrope dell’ipofisi anteriore. La determinazione di questo ormone è essenziale nella diagnostica tiroidea e costituisce il primo test da richiedere nel paziente con sospetta patologia tiroidea. Le sue concentrazioni sono importanti per individuare ipotiroidismo primitivo e l’ipertiroidismo. Il TSH stimola la produzione degli ormoni tiroxina (T4) e di triiodotironina (T3), due importanti regolatori dei processi metabolici del nostro organismo, da parte della ghiandola tiroidea. Il TSH è l’indice più sensibile dell’alterazione funzionale della tiroide.

TSH reflex cos'è e quali sono i valori normali o alterati
Fonte: Pexels

Cos’è il TSH reflex

Il TSH test riflesso è uno screening tiroideo che si occupa di verificare il solo dosaggio del TSH detto, appunto, “TSH riflesso”. Solo se dal test dovessero venire fuori anomalie, si procede con il dosaggio degli ormoni tiroidei (T3 e T4) per precisare l’entità dell’ipertiroidismo o dell’ipotiroidismo. Ciò anche in considerazione del costo di un triplice dosaggio di TSH, T3 e T4, che alle volte risulta inutile. Se il TSH è nella norma, infatti, è possibile evitare di procedere con ulteriori indagini su T3 e T4. Se il TSH reflex è basso, viene dosata anche la tiroxina (T4) nella sua forma libera FT4 e poi, nel caso questa rientri nei valori normali, anche la triiodotironina (T3). Se invece dovesse registrarsi un TSH reflex alto, vengono aggiunti i dosaggi di tiroxina libera FT4 e gli anticorpi anti tireoperossidasi (anti-TPO). Un TSH Reflex con valori normali non richiede l’esecuzione di ulteriori esami.

A cosa serve il TSH reflex

Vi si ricorre per aiutare il medico nella diagnosi delle malattie della tiroide da un lato, e nella valutazione dell’andamento di una terapia per il trattamento della tiroide dall’altro. In alcuni casi, viene prescritto dal medico al fine di diagnosticare l’ipotiroidismo congenito nei neonati. Oltre a diagnosticare un’alterazione tiroidea e a monitorare la terapia ormonale sia in caso di ipotiroidismo che di ipertiroidismo, serve anche a diagnosticare e monitorare eventuali problematiche di infertilità femminile. Il test può anche rilevare un disturbo della tiroide prima che si manifestino i sintomi.

TSH valori

Cosa indica il valore TSH? Prima di passare ai valori ottimali del TSH, è indispensabile chiarire come questi non siano univoci, ma possano variare in base a numerosi fattori, quali ad esempio il sesso, l’età del paziente o la stessa strumentazione utilizzata presso il laboratorio di analisi presso il quale si esegue il test. Per evitare incertezze, è bene fare riferimento al range di valori riportati dal laboratorio sul referto. E affidarsi naturalmente al parere del medico, che saprà stabilire se i valori siano o meno accettabili nel singolo caso.

Quali sono i valori ottimali della tiroide? Così come riportato sul sito dell’Humanitas, gli intervalli di riferimento considerabili valori normali per la tireotropina sono: 0,45 – 3,50 mUI/mL. Tuttavia, il risultato dell’esame del TSH deve essere valutato insieme al risultato degli ormoni tiroidei FT4 e FT3. Il risultato può restituire un valore di TSH alto o basso, ma non fornisce informazioni circa la sua causa. Per appurare quest’ultima è indispensabile effettuare ulteriori indagini mediche.

TSH reflex cos'è e quali sono i valori normali o alterati
Fonte: Pexels

Cosa altera il TSH?

Più che alterare, alcuni fattori influenzano i valori del THS. Si tratta, ad esempio:

  • Dell’età: la concentrazione di TSH tende ad aumentare nei pazienti di età superiore a 80
  • Di una eventuale gravidanza: lo stato interessante, come sappiamo, causa delle fisiologiche alterazioni nella produzione degli ormoni tiroidei
  • Patologie gravi: alcune gravi malattie che non riguardano direttamente la tiroide possono influire sui valori correlati alla ghiandola

TSH alto o basso

Cosa vuol dire avere il TSH alto? Un TSH alto è indicatore di una carenza di ormoni tiroidei (collegabili, quindi, all’ipotiroidismo). Nel caso in cui non sia già stato diagnosticato, bisognerà concordare con il proprio medico la giusta terapia. Nel caso, invece, nel quale il paziente la stia già seguendo, bisognerà rivedere, aumentandole, le dosi del farmaco, in quanto evidentemente insufficienti. Un TSH basso indica la situazione opposta, ovvero un eccesso di ormoni tiroidei (e quindi, ipertiroidismo). Ciò può essere collegato ad una tiroide iperattiva, o ad una quantità di ormone tiroideo elevata rispetto al proprio bisogno.

TSH alto sintomi

Un TSH alto può essere sintomo di ipotiroidismo. Sintomi legati a tale patologia sono stanchezza, aumento di peso, dolore articolare e muscolare, cicli mestruali copiosi o irregolari, depressione, bradicardia.

TSH basso sintomi

Un valore molto basso vicino allo 0.1 nano unità per millilitro di sangue indica la presenza di ipertiroidismo, con tutti i sintomi che questo comporta. Ovvero perdita di peso inspiegabile, irritabilità, insonnia e iperattività, tachicardia, palpitazioni, tremore, alterazioni del tono dell’umore, etc.

TSH reflex cos'è e quali sono i valori normali o alterati
Fonte: Pexels

TSH reflex, come si esegue

Come viene fatto il TSH reflex? È un semplice esame del sangue che prevede un campione di sangue prelevato dal braccio (oppure, nel caso in cui venga effettuato su un neonato, qualche goccia di sangue ottenuta bucandone il tallone). Non richiede quindi particolari accorgimenti né preparazioni. Dovrebbe essere fatto di prima mattina a digiuno. È importante segnalare eventuali trattamenti in corso. Esistono dei farmaci infatti che possono interferire con il dosaggio, quali sono? Corticoidi, serotoninergici, dopaminergici, oppiacei, somatostatina, somatotropina, metoclopramide, sulpiride e noradrenalina. Nel caso in cui il paziente segua una terapia a base di ormoni tiroidei, è consigliabile eseguire il test prima dell’assunzione quotidiana degli stessi. I risultati generalmente sono pronti nel giro di 1-2 giorni.

TSH in gravidanza

Nel caso in cui si stia cercando una gravidanza, valori normali di THS nelle donne sono equiparabili ad un numero inferiore a 3. Una volta iniziata la dolce attesa, la donna affronta una naturale alterazione della funzionalità tiroidea. La gravidanza richiede infatti un maggiore lavoro alla tiroide. Tale esame può tornare utile per monitorare la situazione nel caso in cui la gestante presenti una sintomatologia. In tal caso il medico si occuperà di far sottoporre la futura mamma all’esame del TSH in modo regolare. Non solo per la durata della gravidanza, ma anche dopo il parto. Ovviamente, in assenza di sintomi, non è necessario sopporsi al test durante la gestazione. Il TSH altissimo in gravidanza, secondo le linee guida più recenti, si fa abbassare facendo assumere alla gestante circa 250ug di iodio al giorno.

 

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Altri articoli su Tiroide