Benessereblog Benessere Vivere meglio Perché spegnere il cellulare di notte

Perché spegnere il cellulare di notte

Avere il cellulare sempre a portata di mano può essere certamente utile per la nostra produttività, ma può anche privarci di esperienze e attività importanti per la salute, come dormire. Spegnere il cellulare prima di coricarsi è un ottimo passo per migliorare la nostra salute fisica e psicologica.

Perché spegnere il cellulare di notte

Fonte immagine: Pexels

L’idea di spegnere il cellulare prima di andare a dormire non ha mai sfiorato la tua mente? Beh, allora sei in buona compagnia. Prova a chiederlo ai tuoi conoscenti: quanti di loro spengono il telefono prima di andare a letto? E quanti, invece, hanno la comune abitudine di addormentarsi con il telefono in mano, per poi svegliarsi di soprassalto con la paura di far cadere per terra il proprio prezioso smartphone?

Probabilmente avrai già scoperto che, si, la maggior parte dei tuoi conoscenti dorme con il cellulare sul comodino, o addirittura con il telefono sotto al cuscino.

E puoi scommettere che neanche loro spengono il dispositivo prima di addormentarsi. È vero, dormire con il cellulare sul comodino ci rende sempre raggiungibili, ci permette di rispondere a messaggi e chiamate in tempo reale e di scrollare le pagine social quando ne abbiamo voglia.

Del resto, non è proprio questo il bello dei cellulari? Mhmm, si e no. Vuoi sapere perché dovremmo spegnere il telefono quando andiamo a letto?

Perché spegnere il cellulare la notte?

Fonte: Pexels

Radiazioni, stress, insonnia: i buoni motivi per non dormire con il cellulare in mano o sul comodino sono tanti. Vediamo perché dovremmo spegnere il telefono prima di andare a letto. Ecco 5 ragioni che potrebbero aiutarti a migliorare le tue abitudini.

Combatti la dipendenza dal telefono

Quante persone sono disposte ad ammettere di essere dipendenti dal proprio cellulare? Eppure, questo problema riguarda adolescenti e adulti in tutto il mondo. Se l’idea di spegnere il cellulare prima di andare a dormire ti provoca un senso di disagio, probabilmente è il caso di prestare attenzione a questa sensazione, analizzarla e cercare di capire se anche tu, in qualche modo, potresti essere dipendente dal tuo telefono.

In tal caso, spegnere il cellulare di notte o dormire con il cellulare in modalità aereo potrebbe essere il primo passo per liberarti di questa dipendenza.

Spegnere il cellulare per dormire meglio

Quando non riesci a dormire, di solito scorri le pagine di Instagram, Tik Tok e affini, nel tentativo di prendere sonno. Ma per quanto tu possa “sforzarti”, non riesci proprio ad addormentarti. È un circolo vizioso: il tuo cervello è bersagliato da stimoli, immagini, luci e suoni che di certo non hanno l’obiettivo di favorire il buon sonno.

E il cervello non ha bisogno di tutto questo, specialmente non prima di andare a dormire.

Tra l’altro, quello che fai con il cellulare prima di andare a letto ha un peso ancor maggiore: se durante la notte scambi messaggi su whatsapp con gli amici o scorri le pagine dei social per scoprire le ultime news, questo non farà che stimolare il tuo cervello, suscitando emozioni (piacevoli o spiacevoli) e condannandoti a una notte in bianco.

Di conseguenza, il giorno successivo potresti essere meno concentrato e produttivo a scuola o sul posto di lavoro. Ne vale davvero la pena?

Hai più tempo per te

Se ricevi spesso email di lavoro o parli tutto il giorno in chat con colleghi, dipendenti e superiori, tenere il cellulare sul comodino di notte potrebbe non essere una grande idea.

A causa delle continue notifiche, non avresti modo di staccare la spina e vivere il tuo tempo libero insieme al partner o semplicemente con te stesso/a. A lungo andare, questo sovraccarico di lavoro potrebbe far salire i livelli di stress e aprire la strada a un vero e proprio burnout.

Possiamo dire, in poche parole, che spegnere il telefono fa bene all’umore e riduce anche lo stress.

Cellulare e sonno: occhio alla luce blu

Hai presente la luce blu emessa da cellulari, tablet e altri dispositivi? Questa particolare luce imita quella del giorno, e può farci sentire attenti e vigili.

Il che sarà probabilmente ottimo se usiamo il cellulare al mattino o il pomeriggio, ma potrebbe rivelarsi controproducente per chi lo usa anche a letto. Questa luce, infatti, non solo può danneggiare la vista, ma può anche rovinare le tue notti.

Per quale motivo? Semplice: si è scoperto che la luce blu influenza la naturale produzione di melatonina, per cui riduce la sensazione di sonnolenza e rende più difficile riuscire ad addormentarsi.

Riduci le radiazioni

Tenere il cellulare acceso sul comodino di notte può anche aumentare l’esposizione alle radiazioni, un tema molto importante e spesso sottovalutato. Sappiamo che gli smartphone emettono radiazioni, e continuano a farlo anche di notte, anche quando non li usiamo. Quali possano essere le conseguenze di tali radiazioni, ancora non è del tutto chiaro. Quel che sappiamo è che sarebbe meglio ridurne i livelli.

Come evitare le radiazioni del cellulare di notte?

Per farlo è sufficiente spegnere il telefono o, se lo usi come sveglia al mattino, impostare la modalità aereo, che pur non annullando del tutto le emissioni di radiazioni, può pur sempre limitarle.

Conclusioni

Fonte: Pexels

Spegnere il telefono prima di andare a dormire può essere un primo e piccolo passo per migliorare il tuo benessere psicofisico. Naturalmente, questo non vale solo per i telefoni, ma anche per tablet e altri dispositivi che possono compromettere la qualità del sonno.

Ma quando spegnere il cellulare prima di andare a dormire? Su questo punto, scienziati e medici hanno proposto diverse soluzioni. C’è chi consiglia di spegnere il cellulare alle 18:00 e chi, in modo più indulgente, propone di spegnerlo una o due ore prima di coricarsi.

Invece di usare il cellulare a letto, potresti addormentarti rapidamente facendo meditazione o leggendo un libro. Domani sarai felice di aver spento il telefono!

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Integratori per lo studio, funzionano?
Vivere meglio

Gli integratori per lo studio possono apportare benefici alla memoria, alla concentrazione e all’attenzione, ma i risultati variano da persona a persona. L’efficacia dipende da fattori individuali, dal tipo di integratore e dal dosaggio. I più diffusi in questo ambito sono omega-3, vitamine B e caffeina, ma è fondamentale considerarne l’integrazione come parte di uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata, esercizio fisico e buone abitudini di studio.