Benessereblog Salute Malattie Prurito alle gambe: cause e cosa fare

Prurito alle gambe: cause e cosa fare

Il prurito alle gambe è un problema molto comune, che può essere causato da moltissimi fattori, alcuni innocui e per nulla preoccupanti, altri degni di maggiore attenzione. Fra le possibili cause del prurito alle gambe vi sono pelle secca, punture di insetti, covid, malattie della pelle o altre patologie. Per poter trattare il problema, è importante riconoscerne le possibili cause. Vediamo come fare.

Prurito alle gambe: cause e cosa fare

Fonte immagine: Pixabay

A tutti può capitare, in un qualsiasi momento della giornata, di avvertire un fastidioso prurito alle gambe. Il più delle volte, il problema si risolve nell’arco di qualche secondo, giusto il tempo di grattare la pelle per un attimo e possiamo già dimenticarci del prurito e del formicolio. Altre volte, però, questo sintomo può durare per ben più di qualche secondo, può persistere per diversi minuti o persino per giorni, causando fastidio, disagio e persino malessere.

Ma a cosa potrebbe essere dovuto un simile problema?

Nella maggior parte dei casi, tendiamo a dare la colpa all’acqua della doccia troppo calda o all’uso di saponi forse un po’ troppo aggressivi per la nostra pelle. Queste sono certamente due delle possibili cause del prurito alle gambe, ma non sono le uniche.

Molti fattori possono provocare un forte prurito alle gambe, e fra questi rientrano anche alcune malattie che è bene non ignorare.

In questo articolo vedremo quali sono alcune delle più importanti cause del prurito, capiremo come riconoscerle e quando è il caso di consultare un medico e sottoporsi a degli accertamenti.

Prima di esaminare le possibili cause del disturbo, però, ti ricordiamo che, anche quando si avverte un forte prurito alle gambe o in un’altra parte del corpo, è sempre bene evitare di grattare la zona interessata, poiché rischieresti di irritare ulteriormente la pelle, aumentando così il prurito e, di conseguenza, innescando un circolo vizioso e pruriginoso difficile da spezzare.

Quale può essere la causa del prurito alle gambe?

Prurito alle gambe
Fonte: Pixabay

Come abbiamo anticipato, in realtà le cause del prurito possono essere davvero molte. Si va da condizioni cutanee come eritemi o eczemi a un semplice problema di pelle secca.

Il disturbo, però, potrebbe essere anche un sintomo di troppo stress, o potrebbe essere determinato da malattie sistemiche e persino da tumori. Ecco perché è importante indagare le possibili cause del prurito, specialmente quando questo si manifesta con una certa insistenza e frequenza, e quando è accompagnato da altri sintomi che vedremo fra poco.

Pelle secca

Un prurito alle gambe dopo la doccia potrebbe essere un sintomo di pelle secca e disidratata. Spesso, quando facciamo il bagno o la doccia, tendiamo a utilizzare saponi aggressivi o acqua troppo calda: questa combinazione può risultare dannosa per la pelle, andando a provocare sintomi come:

  • Prurito
  • Secchezza cutanea (xerosi)
  • Desquamazione
  • Formicolio
  • Pelle screpolata.

A rendere la pelle secca possono essere anche altri fattori, come l’età, attività come il nuoto (o più esattamente, l’acqua delle piscine) o persino il clima, specie se è freddo e secco.

Allergie

Anche alcune allergie possono comportare, fra i sintomi, un forte prurito o altre reazioni cutanee.

Possiamo sviluppare una reazione allergica in seguito all’esposizione a sostanze come il nichel, o anche dopo aver usato smalti, creme o altri cosmetici e prodotti in lattice.

Punture di insetti

Una delle cause più ovvie del prurito della pelle è senz’altro rappresentata dalle punture di insetto.

Se hai trascorso del tempo all’aria aperta, ad esempio in campagna, è probabile che il prurito sia causato da punture di zanzare o altri insetti, o anche dal contatto con alcune piante, come l’edera velenosa o l’ortica.

In tal caso, potrai notare anche altri sintomi, come rossore, gonfiore, eruzione cutanea.

Malattie della pelle

Un prurito localizzato nella zona delle gambe o in qualsiasi altra parte del corpo, potrebbe anche essere provocato da condizioni della pelle come dermatiti, eczemi, follicolite, orticaria, psoriasi, dermatite da contatto o Herpes zoster.

Oltre al formicolio, potresti avvertire altri sintomi come arrossamento, bruciore e irritazione.

Depilazione delle gambe

Se hai l’abitudine di radere le gambe con la lametta, potresti avvertire un fastidioso prurito a causa dell’irritazione provocata dal rasoio o dai prodotti che utilizzi per depilarti. In più, le lame del rasoio potrebbero causare la formazione di peli incarniti, che a loro volta possono causare prurito.

In tal caso, oltre al prurito alle gambe potresti notare dei puntini rossi, sintomo che, però, potrebbe essere dovuto anche ad altre cause, come un eczema o un’altra condizione della pelle.

Prurito alle gambe in gravidanza

Durante i mesi di gestazione potresti sperimentare un fastidioso prurito localizzato in diverse parti del corpo.

Di solito, questo problema è collegato ai cambiamenti ormonali che ogni donna sperimenta durante la gravidanza, ma potrebbe essere dovuto anche ad altri fattori, come secchezza o stiramento della pelle, o persino a cause di origine epatica.

Per questo motivo, sebbene nella maggior parte dei casi il problema sia del tutto normale e innocuo, è sempre meglio parlarne con il medico.

Prurito alle gambe da stress (prurito psicogeno)

Ti sarà già capitato di avvertire un forte prurito alle gambe proprio durante momenti di forte stress, ad esempio mentre dopo un litigio con il partner o mentre aspettavi importanti notizie di lavoro o inerenti la salute.

Questo problema è noto con il nome di “prurito psicogeno”, e può colpire qualsiasi parte del corpo.

Non è ancora chiaro quale possa essere la causa del problema, ma ciò che è chiaro è che i disturbi d’ansia possono anche causare prurito insistente.

Come capire se è prurito da stress?

In casi del genere, il problema tende a manifestarsi in concomitanza con gli eventi stressanti che stanno turbando il nostro equilibrio. Tuttavia, il prurito potrebbe anche presentarsi in altri momenti.

Prima di stabilire con certezza la causa, bisognerà dunque eseguire alcuni accertamenti. Il medico ti chiederà informazioni in merito alla tua salute fisica (se soffri di allergie o altre condizioni mediche) e psicologica, ti domanderà informazioni in merito ai sintomi di ansia, stress o altri disturbi degni di nota.

Malattie che causano prurito

Fonte: Pixabay

Il prurito alle gambe può essere anche un sintomo di diabete o di altre condizioni patologiche, come alcuni tipi di cancro, malattie renali, malattie sistemiche o patologie del fegato.

Prurito alle gambe e diabete

Spesso le persone con diabete possono presentare dei sintomi cutanei che è importante non sottovalutare, come presenza di macchie sulla pelle, infezioni, comparsa di protuberanze gialle o rossastre o altre escrescenze che possono essere accompagnate da prurito e dolore, pelle secca e squamosa.

Il prurito può anche essere un campanello d’allarme che indica un possibile danno ai nervi o neuropatia diabetica.

Prurito alle gambe e fegato

Anche alcune malattie del fegato possono causare prurito. In casi del genere, di solito il disturbo inizia dalle mani o dalle piante dei piedi, per poi diffondersi ad altre aree del corpo.

Malattie del fegato che causano questo disturbo possono essere la cirrosi epatica, un dotto biliare ostruito, l’epatite C o un’infezione virale.

Malattie della tiroide

Anche un malfunzionamento della tiroide, come ad esempio l’ipertiroidismo, può causare questo fastidioso sintomo, che comporta la formazione di macchie pruriginose e arrossate.

Prurito alle gambe e circolazione

Insufficienza venosa cronica o cattiva circolazione potrebbero essere all’origine di un prurito insopportabile alle gambe.

Questa condizione è nota con il nome di dermatite da stasi venosa, ed è spesso accompagnata dalla comparsa di vene varicose. Il fastidio si localizza perlopiù sulla parte inferiore delle gambe, e fra i sintomi vi sono anche altri disturbi come dolore, pelle secca o ispessita, gonfiore, ulcere e macchioline di colore marrone sulla pelle.

Tumori della pelle

In rari casi, questo sintomo potrebbe essere collegato alla presenza di un tumore della pelle o di altre forme tumorali.

Alcune malattie, come il linfoma di Hodgkin e il linfoma cutaneo a cellule T, possono annoverare il prurito fra i sintomi, così come alcuni tipi di tumori della pelle.

Ma quando il prurito è sintomo di tumore? È bene chiedere un consulto medico se, oltre al formicolio, noti anche la presenza di nuove lesioni sulla pelle, un neo che cambia colore, forma o dimensione, ferite che non guariscono, comparsa di macchie cutanee scure o ruvide e dolore.

Prurito alle gambe da Covid

Oltre ai sintomi respiratori che ben conosciamo, oltre alla spossatezza e alla mancanza di energie, e oltre alla perdita di gusto e olfatto, il Covid può causare anche dei sintomi cutanei.

Fra questi, rientrano anche prurito e orticaria.

Nella maggior parte dei casi, il problema tende a sparire insieme alla malattia nell’arco di pochi giorni o settimane, ma se il prurito dovesse risultare insopportabile, potrai sempre rivolgerti al medico per trovare un rimedio adatto a te.

Alcuni tipi di farmaci

Anche alcuni tipi di farmaci possono causare questo effetto collaterale. Fra quelli più comuni rientrano l’aspirina, oppioidi, farmaci chemioterapici e alcuni farmaci per regolarizzare la pressione sanguigna.

In tutti i casi, ti sconsigliamo di interrompere l’assunzione del farmaco senza prima aver ricevuto il via libera da parte del tuo medico curante.

Quest’ultimo potrebbe consigliarti alcuni rimedi per alleviare il prurito o potrebbe prescrivere farmaci contenenti altri principi attivi, più adatti alle tue esigenze.

Prurito alle gambe di notte

Fra poco vedremo quali sono alcuni farmaci e rimedi naturali per il prurito alle gambe. Prima, però, probabilmente ti starai chiedendo perché il prurito aumenta di sera.

Le esatte cause di quello che viene definito “prurito notturno” non sono ancora del tutto chiare, ma si ritiene che a entrare in gioco possano essere i ritmi circadiani, ossia quei ritmi che si susseguono ogni 24 ore, e che governano funzioni importanti come l’attività ormonale, il ciclo sonno-veglia, la fame e la temperatura corporea.

Inoltre, durante la notte, la pelle perde una maggior quantità di acqua, e ciò può causare una maggiore disidratazione e un conseguente prurito.

Infine, con buone probabilità tendiamo a notare il problema durante la notte perché non siamo distratti dalle incombenze della vita quotidiana, per cui abbiamo più tempo per prestare attenzione alle nostre percezioni e sensazioni fisiche.

Cosa fare se hai prurito alle gambe?

Fonte: Pixabay

Per quanto tu possa grattare, grattare e grattare il prurito non passa mai. Succede anche a te? Se sei alle prese con questo disturbo, devi sapere che grattare con forza le gambe o altre parti del corpo potrebbe solo peggiorare la situazione.

Bisogna andare alla radice del problema.

Come abbiamo potuto constatare, la lista delle possibili cause del prurito è a dir poco lunga. Per poter trattare efficacemente il problema, è dunque necessario individuare l’esatta causa di base.

In attesa di saperne di più, puoi comunque ridurre il prurito mettendo in pratica alcuni rimedi e semplici accorgimenti. Il medico potrebbe consigliarti di applicare delle creme a base di idrocortisone, spesso impiegate per ridurre i sintomi di eczemi, punture di insetti, eritemi e altri fastidi, o potrebbe suggerire l’assunzione di antistaminici, se ritiene che il problema sia causato da una reazione allergica.

Vediamo altre 7 soluzioni efficaci:

  1. Per alleviare il prurito puoi applicare degli impacchi freddi o fare un bagno a base di farina d’avena.
  2. Ricorda di mantenere sempre la pelle ben idratata, per tenere alla larga sia il prurito alle gambe che il problema della pelle secca.
  3. Quando fai la doccia, utilizza acqua tiepida ed evita quella molto calda.
  4. Usa dei saponi delicati, neutri e senza profumo.
  5. Scegli degli abiti in tessuti morbidi e naturali, preferibilmente in cotone, in modo da lasciar respirare la pelle.
  6. Applica prodotti in grado di ridurre il prurito e rinfrescare la pelle, come quelli a base di calamina o mentolo.
  7. Impara a gestire e ridurre lo stress, un fattore che, come abbiamo visto, può causare o aggravare di molto il problema.

Quando il prurito è preoccupante?

Avvertire ogni tanto un prurito alle gambe o alle braccia, o in qualsiasi altra parte del corpo, è un fenomeno del tutto normale.

Tuttavia, se il problema dovesse presentarsi con una certa frequenza o se il prurito dovesse durare a lungo (più di 2 settimane), sarà il caso di consultare il medico curante, specialmente se, oltre a questo sintomo, hai notato la comparsa di macchie, escrescenze o eruzioni cutanee, o altri sintomi come febbre, dolore e stanchezza eccessiva.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.