Benessereblog Salute Perché non riesco a studiare? I 5 peggiori nemici della concentrazione

Perché non riesco a studiare? I 5 peggiori nemici della concentrazione

Perché non riesco a studiare? I 5 peggiori nemici della concentrazione

Nel corso della vita a tutti noi è capitato di non riuscire a mantenere la concentrazione. Vi sarà successo, almeno una volta, di chiedervi: “perché non riesco a studiare?”. Quando non riusciamo a portare a termine un compito a causa della mancanza di concentrazione, finiamo spesso per sentirci sconfortati e per perdere la motivazione.

Purtroppo non esiste un rimedio magico, non basta schioccare le dita per concentrarsi nuovamente e tornare sui libri come se nulla fosse, ma sicuramente identificare il fattore che provoca la distrazione è il primo passo per riprendere i libri in mano con serenità ed efficienza.

Vediamo dunque quali sono i fattori di distrazione che ostacolano la nostra concentrazione.

Perché non riesco a studiare? 5 possibili cause

multitasking

Per riuscire a rispondere a questa domanda bisogna innanzitutto analizzare le nostre abitudini, per identificare i veri nemici della nostra concentrazione. vediamo quali sono i più comuni:

  1. Mancanza di sonno: sappiamo bene quanto sia importante dormire bene, ma spesso il sonno è un aspetto che trascuriamo, non è forse vero? L’ideale sarebbe dormire almeno 7/8 ore a notte. Qui potrete trovare tutti i segreti per riuscire a farlo e a ritrovare il vostro benessere, anche di notte!
  2. Cellulare e Social: è innegabile, pochi di noi riescono a posare o spegnere il cellulare durante le ore di studio. Pensiamo innocentemente che una sbirciatina ogni tanto non possa nuocere molto, ma in realtà anche questo semplice gesto può essere considerato un grande nemico della concentrazione.
  3. Interrompere lo studio per rispondere a un messaggio o per aggiornare le pagine social (per vedere qualche foto o qualche post) ci farà perdere la concentrazione. Se alla scarsa voglia di studiare aggiungiamo frequenti pause di questo genere, riprendere a concentrarsi sarà davvero impossibile. Anche solo prendere il cellulare per dare un’occhiata alle notifiche può essere una grande fonte di distrazione.
  4. Ambiente circostante: l’ambiente ideale per favorire la concentrazione dovrebbe essere silenzioso e ordinato. Evitate di studiare in luoghi troppo rumorosi (con la tv accesa o la musica di sottofondo ad esempio). Se siete costretti a studiare in un ambiente del genere, prendete in considerazione l’acquisto di un paio di cuffie antirumore.
  5. Multitasking: A volte il troppo stroppia, e questo vale anche quando chiediamo troppo al nostro cervello. Spesso può capitare di voler dare il massimo, cercando di fare troppe cose in poco tempo. Sovraccaricarci di lavoro e studio, volendo fare più cose insieme per aumentare l’efficienza, potrebbe provocare il risultato opposto.

Come trovare concentrazione nello studio

Abbiamo visto insieme quali sono le cause della mancanza di concentrazione, ma come fare a evitarle? Iniziamo con il dormire bene, andando a letto possibilmente sempre alla stessa ora, così da regolare il nostro ciclo sonno/veglia. In questo modo sarà possibile affrontare al meglio la giornata.

Se cellulare e tablet sono i vostri veri nemici, l’ideale sarebbe silenziarli o ancora meglio spegnerli, così da eliminare la tentazione di dare un’occhiata. Se la voglia di studiare già scarseggia saremo più invogliati a trovare una scusa per prendere il cellulare e distrarci. Spegnerlo del tutto non solo diminuirà la possibilità che ciò accada, ma ridurrà anche le tanto dannose “distrazioni da notifiche”.

Scegliete infine un ambiente rilassante, come una stanza silenziosa, o in alternativa una biblioteca o un parco. In questo modo riuscirete a concentrarvi in modo più efficace e raggiungerete i vostri obiettivi!

Foto di Jan Vašek da Pixabay
Foto di Firmbee da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social