Benessereblog Salute Le insidie della sabbia e del mare

Le insidie della sabbia e del mare

Le insidie della sabbia e del mare


Infezioni, funghi, punture di insetti … Le nostre giornate passate sulle spiagge di tutto il mondo possono aver nascosto qualche insidia; caldo ed umidità tipiche di questa stagione ne favoriscono la proliferazione. Ed è per questo motivo che ci si può imbattere in infezioni da virus, funghi e batteri, quando si passano in spiaggia molte ore al giorno.

Una giornata estiva in riva al mare, però, può riservare anche altre brutte sorprese: in acqua si può essere punti da pesci come le tracine o dalle urticanti meduse che, negli ultimi anni, a causa dei cambiamenti climatici e del riscaldamento del mare, sono sempre più numerose anche nelle località del Mediterraneo.

Niente paura, però: seguendo alcuni piccoli accorgimenti, la tintarella ed i tuffi in mare possono facilmente essere a prova di incidenti. Ad esempio, evitare di lasciare la pelle umida dopo il bagno in mare e non usare creme solari grasse può prevenire un’infezione micotica; così come togliersi la salsedine di dosso dopo il bagno può evitare il formarsi di dermatiti o guarire quelle già esistenti.

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare