Benessereblog Salute Malattie La stanza degli abbracci per i pazienti Covid a Castelfranco Veneto

La stanza degli abbracci per i pazienti Covid a Castelfranco Veneto

La stanza degli abbracci è un dispositivo in vetro e plastica, per permettere ai pazienti Covid di riabbracciare i familiari in sicurezza

La stanza degli abbracci per i pazienti Covid a Castelfranco Veneto

La stanza degli abbracci per i pazienti Covid arriva in una casa di cura in Veneto. Un’iniziativa bellissima che porta un po’ di sollievo e di serenità ai pazienti ricoverati e ai loro familiari. Una delle cose più brutte e dolorose di questo 2020 sono state la mancanza di contatto fisico e l’isolamento forzato, cose che a lungo andare fanno soffrire molto. Gli anziani sono la fascia di popolazione più a rischio ma anche quella che risente di più dell’isolamento e della mancanza degli affetti.

Nell’istituto Rsa “Domenico Sartor” di Castelfranco Veneto è stata creata la stanza degli abbracci. Un dispositivo fatto in plastica e vetro che permette ai residenti e ai loro familiari di avere un contatto fisico in piena sicurezza. Non è la stessa cosa, è sempre plastica e c’è un vetro, ma vedersi da vicino, toccarsi e potersi abbracciare è già tantissimo per chi è malato.

Stanza degli abbracci per i pazienti Covid

La stanza degli abbracci per i pazienti Covid

Nelle case di cura e negli ospedali gli anziani sono totalmente isolati dal mondo esterno, una scelta saggia per evitare che il virus si propaghi all’interno di queste strutture, come è accaduto la primavera scorsa nel Nord Italia. La mancanza degli affetti però è devastante e può peggiorare le condizioni cliniche dei pazienti.

La stanza degli abbracci è un compromesso tra la distanza che si deve necessariamente tenere e il bisogno di umanità e affetto. Tramite questa tenda, realizzata in un materiale specifico e medico, i pazienti affetti da Covid-19 possono vedere i familiari e farsi forza, per resistere e guarire.

La stanza degli abbracci

La pandemia colpisce duramente tutti, ma ci sono fasce della popolazione che sono più fragili, fisicamente e anche psicologicamente e che è necessario aiutare.

Speriamo che questa stanza degli abbracci possa essere costruita in altre strutture e magari anche negli ospedali, per offrire supporto, coraggio e forza a chi sta combattendo. Ma anche a chi aspetta e vive nel terrore di non rivedere i propri cari.

via | ansa
Foto | Getty Images

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.