Benessereblog Salute Tumori, paura e pigrizia: ecco perché gli italiani non si controllano

Tumori, paura e pigrizia: ecco perché gli italiani non si controllano

Tumori, paura e pigrizia: ecco perché gli italiani non si controllano

Molte persone non si sottopongono agli esami di prevenzione oncologica. Ma perché ciò accade? A dare una risposta a questa domanda è un’indagine condotta da Nomisma per conto dell’Osservatorio Prevenzione e Salute di Unisalute, secondo cui l’87% delle donne italiane fra i 30 e i 65 anni si è sottoposta, negli ultimi 2-3 anni, ad almeno un esame di prevenzione oncologica, mentre quelle che non lo hanno fatto (ovvero il 13%) tendono a saltare tali esami medici per paura del risultato.

Per la loro indagine, gli esperti hanno intervistato un campione di 1300 donne fra 30 e 65 anni di età, ed hanno scoperto che, se è vero che l’87% di esse crede nella prevenzione oncologica, un preoccupante 13% non la prende sul serio.

Le donne che non si sottopongono agli esami di prevenzione hanno raccontato di aver paura degli esiti, o hanno ammesso di non essersi sottoposte ai test per pigrizia e imbarazzo; nel 21% dei casi si tratta di donne che pensano di non averne bisogno, il 15% racconta di non aver avuto tempo e l’11% afferma che nessuno glielo ha consigliato.

Grandi differenze sono state riscontrate anche per quanto riguarda i fattori geografici e culturali, con una maggiore prevalenza di test di screening registrati nel Nord Italia rispetto che al Sud. I test di prevenzione più frequentemente eseguiti sono stati la mammografia e il Pap test, e nella maggior parte dei casi le donne si sono rivolte al servizio pubblico (con pagamento del ticket), pur dovendosi accontentare di tempi di attesa significativamente maggiori rispetto a quelli offerti nel settore privato.

via | Ansa
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social