Benessereblog Salute Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita

Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita

Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita

Fonte immagine: Pixabay

Il tumore alla tiroide, del quale approfondiremo sintomi, cure ed aspettative di vita, rientra tra le malattie a carico della ghiandola. Esistono diversi tipi di cancro, ma la maggior parte di questi avanza lentamente e, nella maggior parte dei casi si può curare con un trattamento adeguato.

Come capire se si ha un tumore alla tiroide? E qual è il tasso di sopravvivenza? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cos’è la tiroide

Prima di entrare nel vivo del tema un cenno merita la tiroide, ovvero la ghiandola endocrina posta nel collo e responsabile della produzione degli ormoni tiroidei.

La sua grande importanza sta nel fatto di regolare il metabolismo del nostro organismo. E di garantire il corretto funzionamento di gran parte delle cellule dell’organismo. Viene da sé che, nonostante molto piccola, una tiroide sana sia indispensabile per garantirci di rimanere in salute.

Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita
Fonte: Pixabay

Cos’è il tumore alla tiroide

Il cancro della tiroide è un tumore che di solito si presenta come un nodulo, o massa, nella ghiandola tiroidea. E’ causato dalla crescita anomala di un gruppo di cellule e può essere benigno o maligno.

Si verifica quando le cellule canaglia si riproducono troppo rapidamente per essere controllate dal sistema immunitario.

Tipi di cancro alla tiroide

Esistono diversi tipi di cancro alla tiroide, ma due sono i più comuni. Si tratta di:

  • Carcinoma papillare. E’ il tipo più comune e colpisce prevalentemente la fascia di età compresa tra 30 e 50 anni. La maggior parte dei tumori papillari è piccola e risponde positivamente al trattamento. Solo una piccola parte di questi è aggressiva e può dare vita a metastasi
  • Carcinoma follicolare. E’ più comune nei soggetti di età superiore ai 50 anni. In questo caso è raro che le cellule del cancro follicolare della tiroide si diffondano ai linfonodi del collo. Vi è tuttavia la possibilità di metastasi ai polmoni e alle ossa

Questi due tipi rappresentano circa il 95% dei casi. Vi sono poi:

  • Cancro alla tiroide anaplastico: raro ma particolarmente aggressivo
  • Cancro della tiroide midollare: ha origine nelle cellule parafollicolari

Può anche essere di origine linfatica o derivante dai tessuti muscolari o cartilagenei. Si possono anche manifestare tumori metastatici, che provengono da altri organi interni.

Quanto è pericoloso un tumore alla tiroide? Dipende dal tipo in quanto, come abbiamo visto, una grande percentuale di questi non è aggressivo. Ma anche dallo stadio dello stesso, indicato con un numero compreso tra 1 e 4.

Nel caso in cui sia al primo o secondo, è probabile che il cancro risponda bene al trattamento e che interessi la sola ghiandola. Numeri più alto possono significare che il cancro potrebbe essersi diffuso ad altre parti del corpo.

Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita
Fonte: Pixabay

Cause del tumore alla tiroide

Ad oggi non è del tutto chiaro cosa esattamente causi lo sviluppo del cancro alla tiroide. Ciò che è certo, è che si verifica quando avviene un cambiamento nel DNA all’interno delle cellule tiroidee. Cambiamento che porta ad una loro crescita incontrollabile fino alla produzione di un nodulo.  Esistono, tuttavia, dei potenziali fattori di rischio noti. Questi includono:

  • Appartenenza al sesso femminile
  • Avere un’età compresa tra 25 e 65 anni
  • Esposizione alle radiazioni
  • Una storia di gozzo tiroideo
  • Una storia familiare di cancro alla tiroide o malattie della tiroide
  • Carenza di iodio (relativamente al cancro follicolare della tiroide)
  • Essere in sovrappeso oppure obesi

Un cenno merita il tumore alla tiroide nei giovani, una delle cinque forme di cancro più diffuse nella fascia di età tra i 15 e i 39 anni.

Sintomi del tumore alla tiroide

La maggior parte dei tumori della tiroide non causa significativi sintomi al suo esordio. Questi iniziano a comparire man mano che il tumore stesso cresce. Tra i campanelli d’allarme rientrano:

  • Nodulo che può essere avvertito sotto le dita toccando il collo
  • Sensazione di oppressione al collo a causa di colletti delle camicie che sembrano diventare più attillati
  • Cambiamenti alla voce e raucedine
  • Difficoltà a deglutire
  • Linfonodi ingrossati nel collo
  • Dolore al collo e alla gola

Il tumore alla tiroide può causare difficoltà respiratorie e alla deglutizione. Il sintomo più comune è tuttavia il nodulo appena citato. Anche se, è bene precisare come non tutti i noduli presenti nella ghiandola siano forme di cancro. Più del 90% dei noduli tiroidei non risulta essere canceroso. Averli, anzi, è comune, soprattutto con l’età. Sono meno comuni nei bambini e nei giovani adulti rispetto agli anziani.

 

Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita
Fonte: Pixabay

Diagnosi del tumore alla tiroide

Per giungere alla diagnosi, il medico procederà ad un attento esame del collo unitamente alla valutazione di eventuali sintomi riscontrati dal paziente. Tra gli esami che possono confermare la diagnosi ci sono:

  • Analisi del sangue mirate a controllare i livelli degli ormoni tiroidei nel sangue (livelli anomali possono confermare una tiroide iperattiva (ipertiroidismo) o ipoattiva (ipotiroidismo) escludendo, così, il cancro)
  • Ecografia alla tiroide che può verificare la presenza di un nodulo nella ghiandola possibile risultato di un tumore. Per scongiurare tale ipotesi bisogna fare una biopsia, effettuata tramite agoaspirato con ago sottile che consiste nel prelevamento di un piccolo campione di cellule che viene studiato al microscopio.

Una volta accertata la presenza di noduli tiroidei, generalmente si effettuano ulteriori approfondimenti diagnostici, in particolare:

  • scintigrafia tiroidea, che fornisce informazioni sul comportamento funzionale della tiroide e dei noduli tiroidei
  • misurazione dei livelli di calcitonina, marker specifico, quest’ultimo, del carcinoma midollare della tiroide.
  • TAC, Risonanza Magnetica e PET/CT consentono, infine, di valutare lo stadio del tumore identificando le possibili sedi di diffusione della malattia.
Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita
Fonte: Pixabay

Cure del tumore alla tiroide

I possibili trattamenti per il cancro alla tiroide dipendono naturalmente dal tipo di cancro dal quale si è affetti e dallo stadio in cui si trova (ovvero da quanto è, o meno, avanzato). Le principali cure comprendono l’intervento chirurgico. Questo è il trattamento al quale si ricorre maggiormente: generalmente si tende a rimuovere tutta la ghiandola, ad eccezione dei casi in cui la manifestazione sia piccola. In tal caso si procede con l’asportazione del tratto interessato. Solitamente vengono asportati anche i linfonodi coinvolti nella malattia.

Altre possibilità risiedono nel trattamento con iodio radioattivo, ovvero l’ingestione di una sostanza radioattiva che, viaggiando nel sangue va a distruggere le cellule tumorali; la radioterapia esterna, che si effettua tramite radiazioni dall’esterno dirette alla distruzione delle cellule tumorali che si trovano all’interno del corpo. Infine si annovera la chemioterapia e terapie mirate.

Tumore tiroide, aspettativa di vita

Il tumore alla tiroide, rispetto alle altre forme di cancro, ha un’incidenza dell’1-2 per cento e colpisce di più le donne rispetto agli uomini. Nell’uomo è quindi meno probabile ma non impossibile. La mortalità è molto bassa, soprattutto se si interviene in tempo: dopo l’intervento il paziente solitamente può condurre una vita normale. E’ quindi solitamente curabile e in molti casi si guarisce, anche se a volte può ripresentarsi dopo il trattamento.

Dopo l’intervento il paziente deve seguire una cura a base di ormoni tiroidei, mentre in caso di carcinomi papillari e follicolari, che rischiano la metastasi, la persona viene sottoposta anche a iodio radioattivo. La chemioterapia, infine, è destinata al trattamento di neoplasie più aggressive o che hanno dato esito a metastasi a distanza.

Tumore tiroide: sintomi, cure, aspettativa di vita
Fonte: Pixabay

Tasso di sopravvivenza

La maggior parte dei tumori della tiroide è curabile. I tipi più comuni che, come abbiamo visto, sono i tumori papillari e follicolari, vantano un tasso di guarigione superiore al 98% (se individuati e trattati in una fase precoce). Mai come in questo caso, la diagnosi tempestiva è utile alla guarigione. Il cancro midollare ha una prognosi peggiore dei precedenti e può diffondersi ai linfonodi. Il tumore alla tiroide anaplastico, infine, ha una prognosi molto sfavorevole in quanto molto aggressivo e, spesso, individuato quando è già in stato avanzato. Come si muore di tumore alla tiroide? Solitamente proprio per via delle metastasi.

Tumore tiroide metastasi

Appurata la malignità del nodulo alla tiroide, può essere necessario verificare la presenza di eventuali metastasi. Dove metastatizza il tumore alla tiroide? La più comune è la metastasi polmonare, ma non è la sola. Per questo motivo il medico consiglierà di effettuare una risonanza magnetica per ottenere delle immagini dettagliate dell’interno del corpo. Quando il tumore della tiroide si diffonde, il più delle volte interessa (oltre i polmoni):

  • Linfonodi nel collo
  • Ossa
  • Cervello
  • Fegato
  • Pelle

Prevenzione

Ad oggi non si è certi di cosa possa comportare i cambiamenti genetici alla base della maggior parte dei tumori della tiroide. Pertanto non è possibile dire quale sia la prevenzione per tale malattia. Tuttavia, nel caso di soggetti che abbiano un gene ereditario che aumenta il rischio di cancro midollare della tiroide, si può prendere in considerazione la chirurgia tiroidea. Si tratta di un’eventualità che bisogna tuttavia discutere con il proprio medico.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social