Benessereblog Salute Tumore al cervello: terapia mirata aumenta le possibilità di sopravvivenza

Tumore al cervello: terapia mirata aumenta le possibilità di sopravvivenza

Una terapia mirata potrebbe migliorare le possibilità di sopravvivenza per i pazienti con glioblastoma. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Tumore al cervello: terapia mirata aumenta le possibilità di sopravvivenza

Una terapia mirata potrebbe migliorare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti con diagnosi di glioblastoma, un tumore del cervello maligno e molto aggressivo che prende origine dal tessuto gliale e che presenta una rapida crescita. Si tratta purtroppo di un tumore molto invasivo e difficile da curare, ma la medicina offre oggi nuove speranze.

La prognosi di questa malattia è infatti molto influenzata dal carattere recidivo di questo tipo di tumore, e risulta essere spesso molto sfavorevole. Da oltre 15 anni non venivano creati nuovi farmaci finalizzati alla cura del glioblastoma con recidiva, ma di recente è stata sperimentata una nuova terapia contro la malattia, e ciò potrebbe cambiare finalmente la possibilità di cura e quindi di sopravvivenza dei pazienti.

Glioblastoma, la terapia che migliora le possibilità di sopravvivenza

Grazie a un nuovo farmaco, il Regorafenib, la sopravvivenza a 12 mesi dall’inizio della cura è infatti più del doppio rispetto a quella osservata in un campione di controllo che si è sottoposto alla chemioterapia standard, registrando un’incidenza del 38.9% di sopravvivenza, rispetto al 15%.

L’ annuncio dell’approvazione di questa nuova terapia è stato lanciato in occasione del Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica. La terapia con Regorafenib è stata inserita dall’AIFA nell’elenco dei farmaci che possono essere erogati a carico del Servizio Sanitario Nazionale, quando non esiste una valida alternativa.

Questo grande passo in avanti non sarebbe stato possibile senza lo studio clinico REGOMA, i cui risultati attestano la superiorità della nuova terapia rispetto alla chemio standard. Fino ad ora la sopravvivenza media dei pazienti con glioblastoma era inferiore ai 2 anni, con probabilità vicine al 100% di recidiva.

via | Ansa
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Influenza 2022/2023: sintomi, cure e prevenzione
Malattie

Come ogni anno torna puntuale l’influenza stagionale che, in base alle previsioni, sarà la peggiore degli ultimi cinque anni sotto il profilo della diffusione e dell’aumento di patologie respiratorie gravi: vediamo quali sono le cause ed i sintomi dell’influenza 2022/23 con gli accorgimenti da mettere in atto in fatto di prevenzione (il vaccino, in primis) e di rimedi per curarla con e senza farmaci a seconda della sua gravità.