Benessereblog Salute Tubercolosi, studente morto a Torino

Tubercolosi, studente morto a Torino

Tubercolosi, studente morto a Torino

Un giovane studente di 19 anni è morto a Torino a causa della tubercolosi. Il ragazzo era una matricola del Politecnico, e nei giorni scorsi era stato ricoverato all’ospedale Amedeo di Savoia in gravi condizioni. La conferma del decesso del giovane arriva direttamente dall’Asl di Torino, che fa sapere che si tratta di un fatto possibile, anche se molto raro.

Intanto sono già in corso i controlli delle persone che sono entrate in contatto con lo studente deceduto (ovvero circa 250 persone, tra studenti e docenti), e per il momento – come precisano gli esperti – non sono emerse criticità.

Il ragazzo era originario dello Sri Lanka, e una delle ipotesi è che abbia potuto contrarre la malattia nel suo Paese d’origine, ma che non si sia rivolto in tempo ai medici per le cure necessarie. Gli esperti fanno anche sapere che, attualmente, l’incidenza della tubercolosi è bassa nel nostro Paese (7,4 casi ogni centomila abitanti, con tasso di mortalità dello 0,7%), ma nonostante ciò, rimane comunque una grave minaccia per la salute.

Quello che riguarda il diciannovenne deceduto a Torino è il secondo caso di morte per tubercolosi registrata negli ultimi mesi. A ottobre una dottoressa del San Paolo di Napoli è infatti morta per la stessa malattia. Riferendosi al caso più recente, il rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco, fa sapere:

C’è dolore e rammarico per questa morte. L’Asl sta svolgendo tutti i controlli del caso, c’è piena fiducia nel loro operato.

via | Il Messaggero
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social