Benessereblog Salute Gravidanza Test di gravidanza: 3 trucchi per non avere dubbi

Test di gravidanza: 3 trucchi per non avere dubbi

Test di gravidanza: 3 trucchi per non avere dubbi

Fonte immagine: Pixabay

Come si esegue un test di gravidanza? E quanto tempo dopo un rapporto si può fare il test? In questo articolo vogliamo parlarti di tutto ciò che bisogna sapere sui test di gravidanza, da quelli classici che puoi acquistare in farmacia ed eseguire a casa, al test di gravidanza ematico, eseguito in un laboratorio di analisi. Ma innanzitutto, vediamo in cosa consiste questo test.

Il famoso “test di gravidanza fai da te” è uno strumento che permette di accertare il concepimento nel caso in cui dovessi notare un ritardo nelle mestruazioni. Si tratta di un vero e proprio test diagnostico, che ha un’affidabilità che va dal 97 al 100%.

Quanti tipi di test di gravidanza esistono?

In realtà, come abbiamo accennato, esistono due tipi di test ai quali potresti sottoporti. Il primo è quello che tutte noi ben conosciamo, ovvero quello che si esegue attraverso le urine, nella privacy del proprio bagno, mentre il secondo è il test ematico, che viene eseguito attraverso una particolare analisi del sangue. Ma in cosa consistono esattamente questi due test?

In entrambi i casi, gli strumenti identificano la presenza di un ormone, ovvero la gonadotropina corionica umana (beta-HCG), che viene secreta dall’organismo quando è in corso una gravidanza, ovvero quando l’ovulo fecondato si impianta nell’utero.

Questo ormone può essere individuato sia nel sangue che nelle urine, e la sua presenza può essere accertata a distanza di circa una settimana dall’avvenuta fecondazione.

A differenza del test di gravidanza sulle urine (che fornisce un’informazione in merito alla presenza o meno dell’ormone beta-HCG), le analisi del sangue permettono di individuare con maggiore precisione la concentrazione di questo ormone.

L’esame è molto semplice. Basterà infatti sottoporsi a un normale prelievo del sangue e attendere i risultati, che permetteranno di stabilire – in maniera orientativa – quando è avvenuta la fecondazione.

Ci sono anche test delle urine che indicano quanto tempo è passato dal concepimento: scopri come fare il calcolo delle settimane di gravidanza.

Beta HCG: cos’è e a cosa serve questo ormone?

Abbiamo visto che i test di gravidanza permettono di identificare la presenza della gonadotropina corionica umana (HCG, Human Chorionic Gonadotropin) nel sangue o nelle urine. Questo ormone viene secreto nel sangue e successivamente espulso attraverso le urine, ed è per questo motivo che la sua presenza è riscontrabile sia attraverso il kit per il test di gravidanza fai da te, che attraverso un esame del sangue.

Ma esattamente a cosa serve l’ormone Beta HCG? Chiamato anche “ormone della gravidanza”, il Beta HCG è riscontrabile dopo circa una settimana dal concepimento, ed ha lo scopo di mantenere un ambiente ormonale adatto e favorevole per il proseguimento della gravidanza e per lo sviluppo embrionale.

La concentrazione di questo ormone è molto alta durante le prime settimane successive al concepimento. Tende infatti a raddoppiare ogni due-tre giorni durante le prime sei settimane, e inizierà poi a diminuire dopo questa fase, per mantenersi a un livello basso per tutto il restante periodo della gestazione.

Lo sai che nei primi mesi è consigliabile assumere un’integrazione di acido folico in gravidanza? Scopri il perché.

Quanto costa un test fai da te?

Test di gravidanza fai da te
Fonte: Pixabay

Ma qual è il prezzo di un test di gravidanza? La risposta dipende dal tipo di test in questione.

Il costo del test di gravidanza che puoi eseguire in casa, ad esempio, oscilla dai 7 ai 20 euro, in base alla quantità di kit presenti nella confezione. Molto spesso infatti è possibile acquistare test con più di un kit, in modo da poter ripetere il test a distanza di alcuni giorni, se dovesse essere necessario.

Il prezzo del test di gravidanza eseguito al laboratorio di analisi avrà invece un costo di circa 20 euro. Il prezzo può variare da un laboratorio all’altro.

Quando fare il test di gravidanza?

Rispondiamo adesso a una delle domande che più spesso si pongono le donne che pensano di essere incinte, e cioè: quanto tempo bisogna aspettare prima di fare il test di gravidanza? Insomma, quando fare il test di gravidanza per essere certe di non ottenere un risultato falso positivo o falso negativo?

Se il tuo ciclo mestruale è regolare, potrai eseguire il test già dal primo giorno di ritardo delle mestruazioni. Se al contrario hai un ciclo irregolare, allora potrai eseguire il test circa 5 giorni dopo la data in cui dovrebbe arrivare il ciclo.

E se hai avuto un rapporto non protetto e temi di poter essere incinta, dopo quanto si può fare il test di gravidanza? In tal caso, potresti eseguire il test anche una settimana prima rispetto al potenziale arrivo delle mestruazioni. Tuttavia, in tal caso sarà meglio ripetere l’esame anche qualche giorno dopo per una maggiore certezza.

Se si hanno i sintomi più comuni, come la nausea in gravidanza, un test è sempre consigliato se si sta cercando una gravidanza o dopo un rapporto non protetto.

Tutto quello che devi sapere sulla dieta in gravidanza.

Come si fa il test di gravidanza?

E scopriamo a questo punto come fare il test di gravidanza. Lo abbiamo visto in decine e decine di film nel corso della nostra vita, ma prima di urinare sul bastoncino, ti consigliamo di leggere attentamente le istruzioni che troverai nella confezione. In questo modo eviterai di commettere errori e potrai ottenere dei risultati il più possibile attendibili.

Vediamo dunque quali sono i passaggi per eseguire il test di gravidanza correttamente:

  • Estrarre il kit dalla confezione e mantenere il punto indicato nello stick sotto il flusso dell’urina per un paio di secondi.
  • Un’alternativa valida potrebbe essere quella di urinare in un contenitore sterile e immergere la striscia dello stick pochi istanti dopo.
  • Attendere per 3 o 4 minuti, il tempo che avvenga la reazione chimica che ti dirà se sei incinta o meno.
  • Trascorso questo lasso di tempo, in caso di risultato positivo vedrai comparire sul bastoncino una faccina sorridente, una linea colorata o il segno “+”.

3 trucchi per non avere dubbi

Leggere le istruzioni contenute nella confezione che hai acquistato in modo da essere certa di eseguire il test correttamente.

Per un risultato più attendibile, evita di bere troppi liquidi poco prima del test.

In generale i test di gravidanza sono maggiormente attendibili con l’urina del mattino, poiché contiene maggiori concentrazioni di HCG, ma questo genere di kit è altamente sensibile, per cui saranno in grado di individuare anche concentrazioni molto basse di questo ormone. Insomma, possiamo affermare che il test di gravidanza si può fare a qualsiasi ora senza problemi.

Quanto è affidabile il test di gravidanza?

Test di gravidanza affidabilità
Fonte: Pixabay

Se usati in modo corretto, i kit in vendita in farmacia hanno un’affidabilità che va dal 97 al 99%. In presenza di un risultato positivo, è tuttavia importante confermare la diagnosi attraverso l’esame del sangue, che permette di ottenere risultati certi al 100%.

Quando il test di gravidanza può sbagliare? Falso negativo e falso positivo

In alcuni (rari) casi, il test di gravidanza può sbagliare e dare un risultato errato. Si parla in tal caso di falso negativo (quando la gravidanza è iniziata ma non viene rilevata dal test) o di falso positivo. Il risultato falso negativo potrebbe essere dovuto a una serie di fattori. Vediamo quali sono i più probabili:

  • Il test è scaduto o difettoso, o non è stato conservato in modo corretto e adeguato
  • L’esame è stato eseguito troppo precocemente per cui l’ormone beta-HCG non è ancora rilevabile
  • Si sono verificati degli errori nella procedura o non hai utilizzato un contenitore per l’urina perfettamente pulito
  • Hai assunto troppi liquidi prima di eseguire il test o hai assunto farmaci diuretici
  • Hai una gravidanza extrauterina.

È proprio per evitare simili errori che spesso nei test acquistabili in farmacia si trova più di un kit, in modo da poter ripetere nuovamente l’esame se e quando necessario. Se, nonostante il risultato negativo, dovessi manifestare i sintomi di una gravidanza (come alterazioni dell’umore, seno gonfio, aumento dell’appetito, assenza di ciclo mestruale, nausea e vomito) parlane con il tuo medico e sottoponiti al test di gravidanza ematico.

I casi di “falsi positivi” sono estremamente rari, e generalmente sono dovuti a una possibile infezione urinaria in corso, a un test di gravidanza scaduto o conservato in modo scorretto o all’assunzione di alcuni farmaci come quelli per il trattamento della malattia di Parkinson, sonniferi, antiepilettici o farmaci per la cura dell’infertilità.

Cosa bisogna sapere sui test di gravidanza?

Il test di gravidanza è uno strumento che permette di verificare l’avvenuto concepimento, qualora dovessi avere un ritardo nelle mestruazioni. Si tratta di un test diagnostico con un’affidabilità che va dal 97 al 100%, e che si basa sull’identificazione di un ormone, la gonadotropina corionica umana (beta-HCG), che viene secreta dall’organismo quando si verifica una gravidanza.

Stitichezza in gravidanza, cosa fare?

Seguici anche sui canali social