Benessereblog Salute Svapare aumenta il rischio di depressione

Svapare aumenta il rischio di depressione

Svapare aumenta il rischio di depressione

Un recente studio ha rivelato che le persone che fumano sigarette elettroniche corrono il doppio del rischio di soffrire di depressione rispetto a quelle che non hanno mai svapato. La correlazione sembra essere particolarmente forte tra i giovani. Lo studio, pubblicato sulle pagine della rivista JAMA Network Open, parte dalla considerazione che studi precedenti avevano già rivelato che il 9,1% di coloro che soffrono di depressione fumavano sigarette elettroniche, rispetto al 4,5% della popolazione generale.

Per la nuova ricerca, gli esperti hanno esaminato le risposte di quasi 900.000 adulti dai 18 anni in su, ed hanno scoperto che il 34% di coloro che fumano sigarette elettroniche aveva sofferto di depressione clinica, rispetto al 15% di quelli che non avevano mai svapato. Inoltre, il 27% degli ex svapatori aveva maggiori probabilità di segnalare depressione clinica, rispetto al 15% di coloro che non avevano mai fumato le sigarette elettroniche.

Il legame fra sigarette elettroniche e rischio di depressione si è rivelato più significativo per gli studenti universitari di età compresa tra 18 e 25 anni.

La principale conseguenza delle nostre scoperte per i giovani è che devono sapere che ci sono potenziali effetti sulla salute mentale associati all’uso di sigarette elettroniche. Speriamo che il nostro studio fornisca una base per futuri studi longitudinali in grado di confermare i nostri risultati e stabilire la direzione dell’associazione tra uso di sigarette elettroniche e depressione, che attualmente riteniamo sia bidirezionale.

via | MedicalNewsToday
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Alanina aminotransferasi alta: cosa fare?
Malattie

Vediamo l’Alanina Aminotransferasi alta nel sangue, cos’è e quali sono le funzioni di questo enzima che può fornire indicazioni sulla salute del fegato.