Benessereblog Bellezza Cura corpo Smagliature bianche: cosa fare

Smagliature bianche: cosa fare

Le smagliature bianche sono cicatrici che si formano quando la pelle si allunga in modo rapido o eccessivo. Possono verificarsi a seguito di un aumento di peso o durante la gravidanza, ma anche solo durante l'adolescenza. Non esiste un modo efficace per rimuovere completamente le smagliature bianche, ma alcune opzioni di trattamento possono aiutare a migliorarne l'aspetto. Questi includono creme e lozioni, trattamenti laser, microdermoabrasione e dermoabrasione chimica.

Smagliature bianche: cosa fare

Fonte immagine: Pexels

Le smagliature bianche sono un inestetismo che accomuna un po’ tutti, in particolare le donne. Quando ingrassiamo o perdiamo peso, la pelle si stira o si restringe, ed i segni di questi cambiamenti di peso sono proprio le smagliature. Comuni sono sul sedere, sul seno, sulla pancia, sui fianchi ma anche sulla schiena, il desiderio di chi ne soffre è vederle sparire il più velocemente possibile. Ma cosa significa avere le smagliature bianche? E quanto durano? Rispondiamo a questo e ad altri quesiti in merito approfondendo le tecniche più o meno efficaci che abbiamo a disposizione per trattarle.

Cosa sono le smagliature bianche

Le smagliature – note con il termine medico ‘striae distensae’ – si possono considerare come delle cicatrici della pelle che, come tali, non sempre si possono eliminare. Non sono una malattia, ma possono essere considerate al pari di un comune difetto estetico. Questi segni evidenti sulla nostra pelle consistono in alterazioni dello strato più profondo della cute, il derma. Le smagliature si presentano lisce al tatto, e possono avere dimensioni e lunghezza variabili. Tali inestetismi compaiono prevalentemente nelle zone del corpo nel quale tendenzialmente si accumula maggiormente il grasso. E quindi l’interno delle cosce, l’addome (in particolare durante la gravidanza), il seno, i fianchi e i glutei.

Smagliature bianche cosa fare
Fonte: Pexels

nche? Innanzitutto bisogna precisare che tali segni sulla pelle si dividono in due grandi gruppi: le cosiddette striae rubrae (ovvero le smagliature rosse) e le striae albae (ovvero le smagliature bianche). Sono rosse ad uno stadio iniziale, diventano bianche, invece, quando il loro processo di cicatrizzazione si è concluso. A differenza delle rosse, quindi, quelle bianche sono in uno stadio di formazione più avanzato. Ciò significa che, se sulle rosse, le più recenti, si può intervenire per attenuarle, sulle bianche purtroppo, non si può fare niente. Inutile chiedersi quindi come eliminare le smagliature bianche in modo naturale: bisogna solo tenersele.

Smagliature bianche, cause

Dal punto di vista scientifico, compaiono in seguito alla frattura delle fibre di collagene del derma. Il collagene è una sostanza prodotta naturalmente dall’organismo ed indispensabile per la nostra sopravvivenza. E’ infatti l’elemento principale del quale sono costituiti i tessuti connettivi dell’organismo. In concreto, è la sostanza che rende compatta la pelle e le dona elasticità. Quando si verifica una frattura del collagene, nella zona interessata vanno a formarsi delle linee più o meno sottili, che possono essere singole o a gruppi.

Le smagliature, in via generale, iniziano a comparire nel periodo della pubertà. Durante l’adolescenza, l’organismo è sottoposto ad importanti cambiamenti, in particolare a repentini aumenti o cali di peso. Ma possono comparire in gravidanza come conseguenza diretta dei cambiamenti fisici necessari alla gestazione e alla nascita del bambino. E’ più predisposto a svilupparle il sesso femminile (si manifestano infatti in 9 donne su 10) e chi, in genere, ha una pelle poco elastica. Secondo quanto riportato sul sito della Mayo Clinic, anche il livello di cortisolo potrebbe avere un ruolo nella loro formazione, in quanto indebolisce le fibre elastiche della pelle.

Smagliature bianche rimedi

Cosa fare per far sparire le smagliature? Come anticipato non c’è molto da fare una volta che si sono cicatrizzate. Esistono dei trattamenti estetici mirati, ma non sempre e non tutti si rivelano efficaci. In nessun caso, comunque, le eliminano radicalmente. L’unico risultato che si può sperare è quello di attenuarle, ma ciò è possibile solo laddove si intervenga in tempo. Inoltre, a determinare il successo o l’insuccesso dei trattamenti, influiscono determinati fattori, caratteristiche fisiche proprie del soggetto come il suo fototipo, il tipo di reazione da parte del corpo etc. Creme, oli e trattamenti estetici molto costosi, possono avere un senso sulle smagliature rosse, su quelle bianche sono quasi inutili quindi valutate bene, chiedendo anche il parere di un professionista, prima di fare acquisti.

Smagliature bianche cosa fare
Fonte: Pexels

Trattamenti topici

Ci sono diverse proposte, in commercio, in fatto di crema per smagliature bianche (è il caso, ad esempio, della Mederma smagliature, o del Bio Oil). Queste, però, sono utili solo per prevenire e curare la comparsa delle smagliature, non per eliminarle. Le più efficaci sono probabilmente a base di tretinoina. Questa sarebbe in grado di favorire la ricostruzione del collagene, rendendo di fatto le striature sulla pelle più simili alla cute circostante.

Trattamenti estetici

Abbiamo detto che non esistono segreti o tecniche miracolose su come eliminare le smagliature bianche, ma trattamenti da prendere in considerazione per migliorare, seppur di poco, la situazione, sono i peeling leviganti, la mesoterapia, la carbossiterapia e i cicli di laser cO2. Interessante è il laser per le smagliature. Così come riportato sul sito dell’Humanitas, un raggio di luce emesso sulla pelle segnata dalla smagliatura fa sì che questa si scaldi e, per effetto del cosiddetto stress termico, inneschi una naturale difesa che a sua volta stimola la produzione di nuovo collagene che “tende a riorganizzarsi in nuovo collagene e riparare la cicatrice lasciata dalla smagliatura sulla pelle”. Il laser frazionato è un ottimo trattamento sulle smagliature ormai datate.

Da approfondire è anche la carbossiterapia, che consiste in una iniezione di CO2 sottocutanea per indurre nei tessuti un aumento dell’ossigenazione cellulare. A tale tecnica è stato associato un aumento dello spessore dermico e del numero delle fibre collagene nelle aree trattate. Che, nel nostro caso, si traduce in un miglioramento dell’aspetto delle smagliature. Tra le possibilità da prendere in considerazione esiste anche il Microneedling. Consiste in un trattamento effettuato con minuscoli aghi che stimolano la crescita del collagene. E’ da preferire da parte delle persone con pelle più scura rispetto alla terapia laser (che può causare alterazioni del colore della pelle).

Diffusa, infine, è anche la dermoabrasione, una sorta di peeling chimico che ha lo scopo di per erodere lo strato superficiale della pelle provocandone una rigenerazione. Si tratta, comunque, di trattamenti dei quali bisogna valutare bene anche le conseguenze. In questo caso possibili infezioni.

Prevenzione delle smagliature bianche

Le smagliature si possono prevenire? La risposta è “ni”. Si può sicuramente preparare la pelle e renderla più elastica, ma se la perdita di peso è molto importante, le smagliature fanno parte del pacchetto dimagrimento. Potete applicare oli elasticizzanti e creme sulle zone critiche, come pancia e interno coscia, che aiuteranno la pelle ad essere più elastica. Un modo per non far cedere troppo la pelle è fare sport, poco efficace per le smagliature, ma molto utile per tutto il resto.

Ricapitolando, una buona strategia di prevenzione delle smagliature include l’attenzione al proprio peso corporeo, che non dovrebbe né aumentare né diminuire in un lasso di tempo relativamente breve; la regolare idratazione profonda della pelle (specie nelle zone più a rischio) e la costanza nell’applicazione quotidiana di prodotti elasticizzanti. Utile risulta, come sempre, seguire un tipo di alimentazione sana e variegata.

FONTI:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cuticole: cosa sono e come prendersene cura
Cura corpo

Le cuticole sono una parte del corpo incredibilmente importante. Anche note con il nome scientifico di “eponichio”, le cosiddette pellicine servono a proteggere la radice delle unghie dal rischio di infezioni batteriche, dai microorganismi, dai funghi e anche dalla sporcizia. Ecco perché medici e dermatologi sconsigliano di staccare o tagliare le cuticole.