Benessereblog Salute Sindrome dell’intestino irritato: quale dieta e quali cure seguire?

Sindrome dell’intestino irritato: quale dieta e quali cure seguire?

La colite o sindrome dell'intestino irritato si può controllare con la dieta giusta, che deve contenere fibre, frutta, verdura, pane. E' meglio evitare i latticini e la carne

Sindrome dell’intestino irritato: quale dieta e quali cure seguire?

La Sindrome dell’intestino irritato è manifesta con un’attività disordinata dell’intestino, caratterizzata soprattutto da attacchi improvvisi di diarrea. Il nome comune di questo disturbo è colite, perché il tratto dell’intestino interessato è proprio quello del colon. Tra i sintomi, purtroppo, ci sono anche dolori e crampi addominali, meteorismo, nausea, mal di testa e inevitabile stanchezza.

Come si può diagnosticare? Prima cosa andare dal medico e descrivere il disturbo. Fate attenzione anche alla consistenza delle feci, che potrebbero avere – in alcuni casi – un aspetto viscoso, simile al muco. Una volta accertata la diagnosi è importante seguire una dieta specifica, evitando tutti quei cibi che possono provocare la malattia.

È molto importante consumare abbondantemente acqua, preferibile quella naturale e a temperatura ambiente. 
Evitare le bevande gassate (soprattutto a base di cola), che favoriscono gas nell’intestino. Se avete problemi di stitichezza consumate alimenti a base di fibra (crusca, cereali integrali), mentre evitate i prodotti lattiero-caseari, il cioccolato, il 
caffè, il tè, gli
alimenti piccanti, speziati, i fagioli, le noci, i succhi di frutta, i broccoli e i cavoli. Favorite la carne bianca a quella rossa.

Si consigliano come detto prima i cereali integrali, l’orzo, l’avena, la pasta, il riso, il pane, le verdure e la frutta fresca, il pesce e le uova. Infine, è molto importante evitare il fai-da-te. Prima di impostare una dieta, quindi, chiedete il parere del vostro dottore, perché ogni caso ha una sua storia.

Fonte| Alimentazione Salute; Saninforma

Foto| Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.