Benessereblog Salute Sedentarietà in quarantena: bastano 2 settimane per danneggiare la salute

Sedentarietà in quarantena: bastano 2 settimane per danneggiare la salute

Sedentarietà in quarantena: bastano 2 settimane per danneggiare la salute

Sedentarietà e quarantena vanno praticamente “a braccetto” per moltissime persone. Con le temperature più fredde, con l’arrivo della stagione influenzale e con la pandemia che ci spinge a rimanere in casa per gran parte del nostro tempo, il rischio di condurre una vita eccessivamente sedentaria è più che concreto. Tutto ciò però può mettere a dura prova la nostra salute fisica e mentale.

Sapevate, ad esempio, che bastano due settimane di inattività per ridurre la massa muscolare e far aumentare la percentuale di grasso corporeo? In un soggetto giovane, conseguenze del genere possono essere recuperate più o meno facilmente (sempre però rimboccandosi le maniche), ma in una persona anziana riuscire a recuperare la massa muscolare non è poi così semplice. Tra l’altro, la sedentarietà è anche collegata a un maggiore isolamento sociale e a una peggiore salute mentale. Ecco perché bisognerebbe evitarla!

Ad analizzare la questione ci hanno pensato anche i membri della McMaster University, i quali hanno dimostrato che ridurre il numero di passi giornalieri a meno di 1500 (quelli che vengono compiuti durante il periodo di quarantena) può mostrare i suoi effetti negativi in sole due settimane. Quattordici giorni di inattività (o di scarsa attività) possono ridurre la sensibilità all’insulina di una persona anziana fino a un terzo e possono anche comportare una significativa perdita della massa muscolare.

Come abbiamo detto, questo è particolarmente rischioso per le persone anziane, che possono affrontare maggiori difficoltà per riparare i muscoli.

Come contrastare gli effetti della sedentarietà in quarantena

Detto ciò, gli esperti ricordano però che ci sono alcune cose che possiamo fare per proteggere la nostra salute. Vediamo insieme di quali si tratta!

  • Eseguire esercizi di resistenza, come ad esempio quelli con i pesi in palestra. In alternativa potreste eseguire esercizi a casa come squat, affondi e flessioni.
  • Se non avete la possibilità di svolgere questo tipo di allenamento, optate per una passeggiata all’aperto o per delle sessioni di yoga e pilates.
  • Infine, seguite una dieta sana, ricordando di assumere la giusta quantità di proteine sia a pranzo che a cena, ed evitate di mangiare troppo o di esagerare con i cibi malsani.

Leggi anche: Come resistere alla sedentarietà e all’apatia?

Foto di Anja🤗#helpinghands #solidarity#stays healthy🙏 da Pixabay

via | CNN

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social