Benessereblog Salute Malattie Sbalzi di temperatura: in arrivo 100.000 casi di simil-influenza

Sbalzi di temperatura: in arrivo 100.000 casi di simil-influenza

Gli sbalzi delle temperatura porteranno con sé delle forme simil-influenzali che ci metteranno inevitabilmente in allarme: ecco cosa spiega l’esperto.

Sbalzi di temperatura: in arrivo 100.000 casi di simil-influenza

Negli ultimi giorni, in tutta Italia, stiamo assistendo a degli sbalzi di temperatura non indifferenti. Sarà capitato anche a voi, nelle ultime sere, di non sapere cosa indossare per uscire di casa. Meglio un maglioncino o le maniche corte? Nel dubbio, optiamo sempre per l’intramontabile abbigliamento “a cipolla”!

A prescindere dalle questioni di abbigliamento, quella che stiamo sperimentando è una situazione del tutto normale che si verifica durante i cambi di stagione, ma quest’anno, con la pandemia in corso, diventa tutto più delicato e complicato.

Vorremmo evitare di esporci a inutili sbalzi di temperature, ma la realtà è che è impossibile, e ciò potrebbe comportare, secondo il virologo dell’Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, lo sviluppo di forme simil-influenzali che riguarderanno 100.000 pazienti, e che faranno alzare la soglia dell’allarme.

Sbalzi di temperatura e influenza nell’era del Covid-19

In un’intervista rilasciata ad AdnKronos l’esperto spiega che, anche di fronte a un solo sintomo, ognuno di noi potrebbe temere il contagio da coronavirus, e ricorrere quindi all’esecuzione di tamponi, aumentando il carico di lavoro per i laboratori di analisi.

Siamo nella fase preliminare di quella che sarà la stagione influenzale. Quindi, innanzitutto ci saranno queste forme simil influenzali, quelle un po’ più banali. Magari saranno manifestazioni con un solo sintomo che però può mettere in allarme per la paura del coronavirus e innescare la necessità di una diagnosi differenziale.

Starà ai pediatri e ai medici di famiglia il compito di indirizzare i pazienti e guidarli, valutando la necessità dell’esecuzione del tampone.

via | AdnKronos
Foto di Alexandra_Koch da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.