Benessereblog Salute Malattie Ranula sotto la lingua: cos’è e come si cura

Ranula sotto la lingua: cos’è e come si cura

La ranula è una ciste della ghiandola salivare sottolinguale. Non è pericolosa ma, se cresce, può ostacolare la respirazione e la deglutizione. Alcune tendono a sparire da sole, altre richiedono trattamenti quali drenaggio, incisione o rimozione chirurgica per alleviare i sintomi. Un consulto medico è cruciale per la valutazione e la decisione sulla gestione della stessa.

Ranula sotto la lingua: cos’è e come si cura

Fonte immagine: Pixabay

La ranula sotto la lingua è una condizione medica che consiste nella formazione di una ciste, o un rigonfiamento, sotto questa. Naturalmente richiede un trattamento adeguato e, nonostante possa causare disagio o preoccupazione, generalmente si risolve senza lasciare strascichi. In questo articolo approfondiamo di cosa si tratta e come curarla al meglio.

Cos’è la ranula

Prima di passare ai possibili trattamenti, chiariamo subito cos’è la ranula sotto la lingua. In sostanza, si tratta di una ciste della ghiandola salivare sottolinguale che si sviluppa nella parte inferiore della bocca. Si manifesta come un rigonfiamento localizzato e, tale tumefazione, appare spesso rivestita da una mucosa tesa e liscia. Proprio a questa sua caratteristica si deve il nome: è spesso paragonata ai sacchi membranosi riscontrabili ai lati della mandibola delle rane. Le ranule non sono contagiose: il loro sintomo principale risiede nella crescita di una bolla chiara o bluastra sul pavimento del cavo orale.

Ranula sotto la lingua cos'è e come si cura
Fonte: Pixabay

Perché viene la ranula

La ranula si sviluppa a causa dell’ostruzione delle ghiandole salivari sottolinguali, che può avvenire per diversi fattori, anche per un trauma. Le cause esatte possono variare da persona a persona, e non sempre sono chiare. Alle volte possono derivare da un intervento di chirurgia orale, altre da un colpo ricevuto al viso o da un morso del labbro inferiore.

La ciste può variare in dimensioni e può causare sintomi come difficoltà nel parlare, masticare o deglutire, oltre a un rigonfiamento visibile sotto la lingua. Come anticipato, le ranule in genere non rappresentano una minaccia né sono pericolose. Tuttavia, vi sono situazioni in cui possono crescere a tal punto da ostacolare funzioni vitali come la respirazione e la deglutizione. In tali circostanze diventa essenziale intervenire.

Come si cura una ranula sotto la lingua

La gestione di una ranula può comportare diversi tipi di trattamento a seconda della dimensione e dei sintomi. In molti casi, quando sono piccole, possono risolversi spontaneamente senza trattamento. E’ possibile, tuttavia, prelevare il fluido dalla stessa con l’introduzione di un ago: si tratta di una procedura che deve essere eseguita da un medico ma che non risolve il problema alla base, per cui bisogna tenere in conto che potrebbe riapparire nel tempo.

Nel caso in cui la ranula persista, si può pensare di intervenire con il drenaggio: il medico può decidere di drenare la ciste per alleviare la pressione attraverso un piccolo intervento chirurgico. Anche in questo caso, però, non si tratta di un intervento risolutivo.

Per le ranule più grandi potrebbe essere necessaria la rimozione chirurgica. Questo intervento può coinvolgere l’asportazione della ciste e, talvolta, della ghiandola salivare attigua. In genere garantisce che non si ripresentino, o comunque minimizza al massimo le possibilità di recidiva. Dopo la rimozione chirurgica il tempo di ripresa si aggira tra 1 e 2 settimane.

In conclusione, la ranula sotto la lingua è una condizione che può causare fastidio e preoccupazione anche se generalmente non è pericolosa. Esistono diverse opzioni di trattamento e la rimozione chirurgica della stessa e della ghiandola salivare attigua garantiscono un pericolo di recidiva molto basso.

FONTI:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.