Benessereblog Benessere Psicologia Psicologia: la classifica delle fobie più comuni degli italiani

Psicologia: la classifica delle fobie più comuni degli italiani

Psicologia: la classifica delle fobie più comuni degli italiani

Gli italiani hanno parecchie paure e fobie, ma quali saranno le più comuni? Senza dubbio la paura del buio, quella di volare e la paura dei cani si trovano sul podio della classifica delle fobie, seguite dalla paura delle malattie. A renderlo noto è una nuova analisi dei Google Trend condotta da “italiani.coop”, centro studi di Coop Italia, che ha reso note alcune delle più comuni “fobie nazionali”, rivelando che al quinto posto delle fobie vi è la paura dei cani, che rappresentano l’unico animale domestico temuto.

Seguono la paura delle farfalle, delle api, la paura dei serpenti e dei ragni. In questo 2019 è aumentata anche la paura dei topi, probabilmente a causa delle scarse condizioni igieniche e dello stato di abbandono in cui versano alcune città del nostro Paese.

Altre paure riguardano i fatti di cronaca, e riflettono i nostri tempi. La scomparsa degli attentati terroristici dalle news corrisponde ad esempio a una riduzione nelle ricerche relative alla paura, e lo stesso vale per la paura di viaggiare, quella delle persone e la paura degli spazi aperti.

La paura nei confronti delle donne è diminuita notevolmente, anche grazie a personaggi pubblici e leader di movimenti di opinioni come Greta Thunberg, Christine Lagarde o altri personaggi di spicco. Anche la guerra fa meno paura, perché sembra uno scenario piuttosto lontano, e si riduce anche la paura di perdere il lavoro, mentre cresce invece quella cambiamento e della solitudine.

Fra le paure più strane e bizzarre non possono mancare poi quella dei bottoni, che rientra nella top 40 delle fobie degli italiani seguita dalla paura dei clown, quella delle bambole e quella dei piedi.

via | Ansa
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social