Benessereblog Bellezza Prodotti di bellezza: quando scadono, come conservarli

Prodotti di bellezza: quando scadono, come conservarli

I prodotti di bellezza non sono eterni: creme, fondotinta, mascara, rossetti e persino gli ombretti hanno una data di scadenza o un PAO che bisogna individuare e rispettare. Il rischio è quello di sviluppare delle irritazioni, infezioni della pelle, congiuntiviti e altri disturbi che vorremmo davvero evitare.

Prodotti di bellezza: quando scadono, come conservarli

Fonte immagine: Pixabay

I prodotti di bellezza che applichiamo più e più volte al giorno sulla pelle o sui capelli non durano per sempre. Forse in questo momento starai pensando a quel bellissimo mascara ormai fuori produzione, quello che ti fa avere le ciglia folte ma non troppo, voluminose ma senza esagerare, insomma, il mascara perfetto.

Ecco, proprio questo tuo adorato prodotto, dopo un paio di mesi o al massimo un anno, potrebbe non essere più utilizzabile. E allungarlo con l’acqua non farà che peggiorare la situazione, lo renderà ancor più pericoloso per la salute dei tuoi occhi.

Ma come capire se un cosmetico è scaduto? E soprattutto, cosa succede se si usano cosmetici scaduti?

In questo articolo apprenderemo tutto ciò che c’è da sapere sulla scadenza dei prodotti di bellezza, come conservarli al meglio e come capire se un prodotto è ormai troppo “stagionato” per essere utilizzato.

Come si vede la scadenza dei cosmetici?

Fonte: Pixabay

Prima di tutto, bisogna tenere a mente che, proprio come i cibi che consumiamo tutti i giorni, anche trucchi, creme, shampoo e prodotti per capelli scadono. La loro efficacia e le caratteristiche potrebbero alterarsi con il passare del tempo.

Insomma, il trucco potrebbe “andare a male”.

Tutte le marche di prodotti di bellezza, che siano bio o meno, devono riportare per legge la data di scadenza o il cosiddetto “PAO”, il Period After Opening (periodo dopo l’apertura).

Nel primo caso, si tratta di un’indicazione che ci dice che un determinato cosmetico non dovrebbe essere utilizzato oltre una determinata data di scadenza. La data è preceduta dalla dicitura “Usare preferibilmente entro …”, e – bada bene – si riferisce sempre al cosmetico correttamente conservato e non ancora aperto.

Cos’è il PAO nei prodotti di bellezza?

Nei casi in cui la data di scadenza di un prodotto di bellezza superi i 30 mesi, è possibile omettere tale indicazione, purché venga riportato il PAO, ovvero il periodo di tempo entro cui il prodotto può essere impiegato in sicurezza dopo l’apertura.

Il PAO è indicato con il disegno di un barattolo aperto e un numero. Per fare un esempio, la scadenza della mia crema mani è indicata con il disegno di un barattolo e la sigla 12M al suo interno. Ciò significa che potrò utilizzare il prodotto entro 12 mesi dall’apertura del flacone.

Tutti i cosmetici, inclusi i prodotti di bellezza naturali e con “INCI verde”, hanno dunque una data di scadenza o un periodo massimo entro cui il determinato cosmetico può essere impiegato dopo l’apertura.

Il PAO varia molto in base al diverso tipo di prodotto, in base agli ingredienti impiegati, ai conservanti utilizzati e così via.

Crema solare e scadenza: fattori da considerare

Quanti anni può durare una crema solare? E come capire se la crema solare è ancora buona? Ogni anno, intorno alla fine di Maggio e l’inizio di Giugno, puntualmente ci troviamo a chiederci cosa fare con la crema solare avanzata dalla precedente estate.

Vorremmo continuare ad applicarla. In fondo, il flacone è ancora quasi pieno, appare in perfette condizioni e abbiamo speso decine di euro per acquistare questo prodotto.

Peccato che le creme solari, proprio come gli altri prodotti di bellezza e per la cura della pelle, abbiano una data di scadenza e un PAO, che in genere non supera i 12 mesi. Se, come vedremo fra poco, quando applichiamo un cosmetico scaduto il rischio è quello di sviluppare infezioni e irritazioni cutanee, il discorso è ancor più importante quando si parla di creme solari.

Questi prodotti, infatti, hanno l’importantissimo compito di proteggerci dai danni causati dai raggi del sole. Ecco perché, anche se a malincuore, i solari devono essere sostituiti ogni anno: per non mettere a rischio la nostra salute.

Cosa succede se uso prodotti di bellezza scaduti?

Fonte: Pixabay

Sappiamo adesso che i prodotti di bellezza, proprio come pane e latte, hanno una data di scadenza. E sappiamo anche che con alcuni prodotti è meglio non farsi prendere troppo dalla parsimonia: dobbiamo sostituirli quando è necessario.

Ma a ben pensarci, cosa potrà mai succedere se uso una crema viso scaduta?

I rischi associati all’applicazione di creme, mascara e rossetti scaduti sono molti. Nelle peggiori delle circostanze, questi prodotti potrebbero ostruire i pori della pelle, causare irritazione, arrossamento, eruzioni cutanee e persino infezioni.

Tutto ciò può essere dovuto allo sviluppo di batteri all’interno del prodotto, fenomeno ancor più frequente se si utilizzano i trucchi con le mani o con pennelli e applicatori non proprio pulitissimi.

Nella migliore delle ipotesi, invece, il prodotto potrebbe non funzionare, per cui staremmo solo perdendo il nostro tempo e “appesantendo” la pelle con cosmetici che non servono a nulla.

Dove conservare cosmetici e prodotti di bellezza?

Fonte: Pixabay

La maggior parte di noi conserva tutti i trucchi insieme, in una pochette in bagno o in camera da letto.

In realtà, possiamo fare di meglio.

Per conservare correttamente i prodotti che applichiamo sul corpo, bisogna prima conoscerne le caratteristiche.

Gli oli, ad esempio, dovrebbero essere conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce. Tutti i tuoi cosmetici dovrebbero essere conservati alla larga dal caldo, in quanto le alte temperature possono favorire la proliferazione di batteri dannosi per la pelle.

C’è chi preferisce conservare le creme in frigo, insieme ai cosmetici liquidi, rossetti e altri prodotti di bellezza. Questa soluzione può andar bene per alcuni prodotti, un po’ meno bene per altri.

Ad esempio, ombretti, cipria e fondotinta in polvere non vanno d’accordo con le basse temperature del frigo, quindi informati bene prima di stipare il tuo intero cassetto di creme e trucchi nello scomparto del frigorifero.

Altri 5 consigli per conservare i tuoi prodotti di bellezza:

  1. Lava i pennelli e le spugnette per il trucco almeno una volta ogni 10 giorni
  2. Chiudi sempre la confezione dopo aver utilizzato il prodotto, per evitare che si secchi o che venga contaminato da batteri e sporcizia
  3. Quando applichi i trucchi o le creme, fallo sempre con le mani perfettamente pulite, specialmente se si tratta di prodotti da applicare vicino agli occhi o alle labbra
  4. Non prestare i tuoi trucchi ad altre persone, per evitare di trasmettere eventuali malattie cutanee.
  5. Per lo stesso principio, evita di applicare sulla pelle i tester spesso disponibili nei negozi di trucchi e cosmetici.

Come capire se un cosmetico è scaduto?

prodotti di bellezza
Fonte: Pixabay

Come capire se un cosmetico è troppo “stagionato” o scaduto? Gli elementi a cui affidarsi, come visto, sono la data di scadenza e il PAO, contrassegnato dal disegno di un barattolo. Ma ci sono anche altri elementi che possono dirti che il mascara o il fondotinta che stai usando dovrebbero andare in pensione.

In questo caso, bisognerà affidarsi ai sensi.

Al tatto, un prodotto scaduto potrebbe avere una consistenza differente rispetto al normale. In un fondotinta, ad esempio, la parte liquida potrebbe separarsi da quella più densa, o potresti notare la presenza di grumi. Il prodotto potrebbe essere secco, cosa che accade spesso con i mascara scaduti.

Un consiglio: in questo caso, evita di allungare il mascara con l’acqua, in quanto rischieresti di aumentare la proliferazione batterica.

Per capire se un prodotto è scaduto, puoi affidarti anche all’olfatto: se la crema che hai acquistato un paio di anni fa emana un cattivo odore, o comunque se non emana il suo classico profumo, allora sarà meglio gettarla via. Infine, affidati anche ai tuoi occhi: se, alla vista, un fondotinta non ha più il suo colore originale, ma appare di un colore diverso e anomalo, sarà il caso di sostituirlo.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come fare una maschera viso fai da te idratante
Cosmetici

Come creare una maschera viso fai da te idratante e nutriente? Se sei stanca di acquistare creme e maschere costose e spesso inefficaci, la soluzione si trova nel tuo frigo. Preparare una maschera viso idratante è più semplice di quanto si possa pensare: sono sufficienti un avocado, una banana, olio extravergine di oliva, avena e miele. Mescolando gli ingredienti e abbinandoli con attenzione, potrai creare un vero elisir contro la pelle secca.