Benessereblog Salute Problemi di udito per più di un italiano su 10

Problemi di udito per più di un italiano su 10

Problemi di udito per più di un italiano su 10

Soffrire di problemi di udito è davvero molto fastidioso, e a quanto pare ne sa qualcosa un italiano su dieci. Questo è ciò che fanno sapere i membri delle associazioni dei pazienti che si sono riunite al ministero della Salute insieme ad esperti e istituzioni poche settimane fa. I problemi di udito riguardano nella maggior parte dei casi le persone anziane, ma anche i più giovani possono soffrirne.

Se è vero infatti che la maggior parte delle persone con tali problemi ha più di 74 anni (37%), è altrettanto vero che di recente sono aumentati i casi di ipoacusia nelle persone fra i 15 e i 24 anni di età (3% del 2012 – 4,2% del 2015) e quelli nelle fasce di età intermedie.

Ad aumentare il rischio di soffrire di tali problemi sono lo stile di vita moderno e la scarsa sensibilità in merito ai problemi dell’udito. Basti pensare che il 54% degli italiani non si è mai sottoposto all’esame audiometrico.

Gli esperti fanno anche sapere che, nel mondo, oltre il 5% della popolazione è affetto da ipoacusia invalidante, un problema che potrebbe addirittura triplicarsi entro il 2050. Per questa ragione, le associazioni si sono poste l’obiettivo di creare un protocollo per migliorare la prevenzione e l’informazione. A spiegarlo è Domenico Pinto, presidente ASI (Affrontiamo la Sordità Insieme), che sottolinea:

Solo muovendoci insieme per un obiettivo condiviso possiamo essere ascoltati dalla Pubblica Amministrazione. La firma di questo protocollo sarebbe un avvenimento storico che rende più efficaci gli sforzi, finora frammentari e individuali, verso la prevenzione, l’informazione e l’accesso alle cure a vantaggio di tutti.

via | Ansa
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social