Benessereblog Salute Corpo Prevenire il morbo di Parkinson con una dieta ricca di flavonoidi

Prevenire il morbo di Parkinson con una dieta ricca di flavonoidi

Prevenire il morbo di Parkinson con una dieta ricca di flavonoidi


I flavonoidi, ne parlavamo qualche giorno fa, svolgono un’importante azione di contrasto dei fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, i big killers oggi nel mondo. Inoltre riducono il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, la demenza e agiscono contro l’ipertensione ed il diabete di tipo 2. Un recente studio, condotto dai ricercatori dell’Harvard University e della University of East Anglia, ha scoperto che una dieta ricca di flavonoidi aiuta anche nella prevenzione del morbo di Parkinson.

I benefici dei flavonoidi sulla salute dei neuroni sono stati rilevati solo negli uomini, in uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica Neurology, che ha analizzato 130 mila persone di entrambi i sessi. Chi consumava regolarmente cibi ricchi di flavonoidi come tè, vino rosso, mele, mirtilli, aveva il 40% di probabilità in meno di ammalarsi di Parkinson.

I flavonoidi, spiega il professor Xiang Gao, coordinatore dello studio, proteggono il cervello dalle malattie neurodegenerative. Nello specifico sono le antocianine, un gruppo della famiglia dei flavonoidi, a garantire questo effetto protettivo. Le antocianine danno il colore a diversi frutti e ortaggi. Le trovate in alte concentrazioni nelle melanzane, nelle arance, nelle more, nei lamponi, nelle ciliegie, nei ribes, nel pompelmo rosso, nell’uva nera e nel vino rosso.

Via | University of East Anglia
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social