Anziano ricoverato per Covid-19 dice al medico “Lasciami andare”. Lui lo salva e lo ringrazia

Anziano ricoverato per Covid-19 dice al medico “Lasciami andare”. Lui lo salva e lo ringrazia

Un uomo di 90 anni, ricoverato per Covid-19 in ospedale in provincia di Como, dice al medico "Lasciami andare" ma lui lo salva

La pandemia da Covid-19 ci regala storie bellissime, di umanità, forza e coraggio, ma purtroppo anche tantissima tristezza. La storia che vi raccontiamo oggi è però a lievito fine ed è stata condivisa da un medico di un ospedale in provincia di Como. Storie come questa, dovrebbero da un lato farci avere speranza e fiducia nel sistema sanitario, nella medicina e nella scienza. Dall’altro anche a farci capire che dobbiamo proteggerci, stare a casa e non sottovalutare la pericolosità del Coronavirus.

Giuseppe Vallo, medico responsabile di Riabilitazione Respiratoria al Lanzo Hospital della Valle Intelvi, ha raccontato sulla sua pagina Facebook la storia di guarigione di un suo paziente. Un uomo di 90 anni è arrivato in ospedale in condizioni molto critiche, i medici hanno fatto di tutto per salvarlo e lui se ne è reso conto.

Quando era in gravi condizioni, in terapia intensiva e attaccato all’ossigeno, questo anziano signore ha detto al suo medico: “Dottore ho fatto tutto quello che volevo nella mia vita ho 90 anni lasciami andare”.

Il dottor Giuseppe Vallo e tutto il team dell’ospedale che lo aveva in cura, non solo non ha ascoltato, ma si è fatto in quattro per salvargli la vita. Adesso le condizioni di salute sono migliorate ed è negativo al Covid-19, dopo 15 giorni è stato dimesso dalla terapia intensiva ed è in reparto. Tra qualche giorno dovrebbe lasciare l’ospedale e tornare a casa, perfettamente guarito.

Covid-19: la storia di guarigione di un paziente di 90 anni

Anziano ricoverato per Covid-19 dice al medico "Lasciami andare"

La storia di questo signore è stata raccontata dal dottor Giuseppe Vallo, ecco il suo post su Facebook.

Sei entrato il 01 Novembre nel nostro reparto.. quando ho letto la tua data di nascita ho subito notato che hai solo 8 giorni in più di mio papà e quindi presto farai i 91 anni.
Il secondo giorno l’ossigenazione era così bassa che ho dovuto metterti un casco cpap con una percentuale di ossigeno del 100% (considerate che quello che respiriamo è il 21%).
Mi hai stretto la mano e mi hai detto: ” dottore ho fatto tutto quello che volevo nella mia vita ho 90 anni lasciami andare”.
Il tuo sorriso e la tua dignità mi hanno stretto il cuore così forte che mi sembrava che fossi io quello a cui mancava l’ossigeno.
Abbiamo lottato insieme, sono riuscito a farti vedere con un telefono i tuoi parenti, gli infermieri si sono presi cura di te, gli oss hanno fatto con amore il loro lavoro , gli addetti alle pulizie hanno pulito sempre la tua camera e oggi dopo 15 giorni ti abbiamo tirato fuori dalla camera intensiva e sei li bello come prima.. hai ripreso a camminare,con l’aiuto super dei nostri fisioterapisti, e cerchiamo presto di mandarti a casa.
Ci hai ringraziato così tante volte ma, la verità, é che noi dobbiamo ringraziare te perché tu ci dai la speranza e la voglia di continuare ogni giorno a lottare.
Noi abbiamo salvato te e tu hai salvato noi..
E io mentre ti accarezzavo la testa per farti coraggio ho visto mio papà e il mio adorato nonno sorridere..
Grazie

via | repubblica
Foto | Facebook

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog