Benessereblog Salute Perchè diventiamo meno produttivi quando abbiamo un appuntamento imminente?

Perchè diventiamo meno produttivi quando abbiamo un appuntamento imminente?

Uno studio conferma che diventiamo effettivamente meno produttivi quando abbiamo un appuntamento imminente.

Perchè diventiamo meno produttivi quando abbiamo un appuntamento imminente?

Avete mai notato che la vostra produttività si riduce drasticamente, se avete un appuntamento imminente? A cercare di scoprire cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno è uno studio condotto dai membri della Ohio State University, i quali spiegano che se abbiamo un’intera ora prima di un appuntamento, probabilmente non sfrutteremo questo tempo come avremmo fatto se non avessimo avuto tale impegno imminente. Per il loro studio, gli esperti hanno condotto diversi esperimenti, alcuni in laboratorio ed altri nella vita reale, ed hanno scoperto che il tempo libero sembra più breve per le persone che hanno un appuntamento o un compito imminente da svolgere.

Pensiamo che qualcosa potrebbe venir fuori, potremmo aver bisogno di un po’ di tempo in più, anche quando non c’è bisogno. Di conseguenza, facciamo meno con il tempo disponibile.

Per lo studio, pubblicato sul Journal of Consumer Research, sono state arruolate 198 persone, alle quali è stato chiesto di immaginare di avere un appuntamento imminente con un amico, e di spiegare cosa farebbero nell’arco di tempo (un’ora) che precedeva tale appuntamento (sia oggettivamente che soggettivamente).

Indipendentemente dal fatto che avessero un amico che arrivava o meno, i partecipanti hanno affermato di avere oggettivamente 50 minuti a disposizione per leggere. Questo è un risultato sorprendente, la maggior parte delle persone non ha pensato nemmeno obiettivamente di avere un’ora intera per poter leggere, le persone mettono sempre un po’ di tempo nella categoria “nel caso in cui” nei loro programmi anche quando non c’è una vera ragione per farlo.

Quando è stato chiesto ai partecipanti quanto tempo sentivano di poter leggere (a livello soggettivo), quelli che avevano un appuntamento imminente con un amico sentivano di poter leggere 40 minuti, e non 50. Gli stessi risultati sono emersi negli esperimenti condotti nella vita reale, confermando che, se nella nostra agenda vi sono degli impegni imminenti, avvertiamo la sensazione di non avere abbastanza tempo da dedicare ad altre attività, anche se oggettivamente il tempo non manca affatto.

Questi risultati suggeriscono dunque che le attività incombenti sul nostro calendario ci rendono meno produttivi

Riteniamo che se avremo una riunione fra due ore, non dovremmo lavorare su grandi progetti, quindi potremmo trascorrere del tempo semplicemente a rispondere alle e-mail o facendo cose che non sono altrettanto produttive.

Ed ecco spiegato perchè, nei giorni in cui abbiamo varie riunioni o appuntamenti, ci sentiamo come se avessimo realizzato poco. Il problema è che non stiamo massimizzando il tempo che intercorre tra i vari impegni. Una soluzione per ovviare a questo problema potrebbe essere quella di raggruppare tutti gli incontri insieme, oppure quello di ricordare a se stessi che in realtà abbiamo molto tempo a disposizione per portare a termine i vostri impegni.

via | ScienceDaily

Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.