Benessereblog Salute Nobel per la medicina 2017: vincono Hall, Rosbash e Young per lo studio dei meccanismi dei ritmi circadiani

Nobel per la medicina 2017: vincono Hall, Rosbash e Young per lo studio dei meccanismi dei ritmi circadiani

Nobel per la medicina 2017: vincono Hall, Rosbash e Young per lo studio dei meccanismi dei ritmi circadiani

Il Premio Nobel 2017 per la Medicina va a Jeffrey Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young, per il loro studio sui meccanismi dei ritmi circadiani. A partire dagli anni Ottanta, i tre ricercatori americani hanno dimostrato come funziona il nostro orologio interno, quello in grado di regolare i ritmi del sonno, il comportamento alimentare, il rilascio degli ormoni nell’organismo e anche la pressione sanguigna.

[quote layout=”big”]La vita sulla Terra si è adattata alla rotazione del pianeta. Da molti anni sappiamo che gli esseri viventi, inclusi gli uomini, hanno sviluppato un orologio interno che li aiuta ad adattarsi al ritmo regolare del giorno e della notte. Ma come funziona esattamente il meccanismo? Hall, Rosbash e Young sono riusciti a guardare all’interno di questo orologio e scoprire il suo funzionamento interno. Le loro scoperte spiegano come le piante, gli animali e gli uomini riescano ad adattare il loro ritmo vitale per sincronizzarlo con la rotazione della Terra.[/quote]

Via | Repubblica

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social