Benessereblog Salute Terapie e Cure Morbillo in Europa, l’Italia è tra i 7 Paesi peggiori

Morbillo in Europa, l’Italia è tra i 7 Paesi peggiori

Morbillo in Europa, l’Italia è tra i 7 Paesi peggiori

Il nuovo bollettino dell’Oms sulla diffusione del morbillo fa luce sulla situazione europea e ovviamente su quella italiana. L’Italia è tra i sette Paesi europei ad aver superato i 1.000 casi di morbillo nel 2018, con Francia, Serbia, Grecia, Russia, Georgia e Ucraina. In tutti i Paesi ci sono stati dei morti, 34 totali dall’inizio dell’anno, 14 solo in Serbia.

La più colpita è stata l’Ucraina con oltre 23 mila casi di morbillo dall’inizio dell’anno. Secondo l’ultima valutazione della Commissione europea di verifica regionale per il morbillo e l’eliminazione della rosolia (RVC), 43 stati membri su 53 hanno interrotto la trasmissione endemica della malattia, mentre 42 lo hanno fatto per la rosolia.

Ovviamente, ancora una volta, si è ricordato che il vaccino è l’unico mezzo per difendersi. Nedret Emiroglu, direttore di la Divisione delle emergenze sanitarie e delle malattie trasmissibili presso l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms, ha commentata:

“Ogni persona che non è immune rimane vulnerabile, non importa dove vive, e ogni Paese deve continuare a spingere per aumentare la copertura vaccinale”.

Per quanto riguarda l’Italia, nel primo semestre del 2018 si contano già 2.029 casi di infezione. Finora l’89,4% dei casi si è verificato in sette Regioni: Sicilia (1.066), Lazio (204),
Calabria (144), Lombardia (131), Campania (128), Emilia Romagna (77) e Toscana (64).
La Regione Sicilia ha riportato l’incidenza più elevata (422 casi per milione di abitanti).

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social