Benessereblog Salute Corpo Miopia in gravidanza e allattamento: esiste un legame?

Miopia in gravidanza e allattamento: esiste un legame?

E' posibile che una donna in stato interessante possa soffrire di miopia? E la condizione si aggrava durante l'allattamento?

Miopia in gravidanza e allattamento: esiste un legame?

E’ vero che la miopia durante i nove mesi della gravidanza e poi in allattamento può peggiorare? Sicuramente esiste un legame tra le due cose, ma non pensiate che la dolce attesa e in seguito l’allattamento al seno siano la causa principale di una miopia eventualmente insorta dopo essere diventate mamme. La miopia è congenita e legata ad una predisposizione famigliari.

E’ vero che durante la gravidanza si può vedere un po’ più sfocato, a causa della carenza di ferro, in particolare negli ultimi mesi di gestazione. Anche gli ormoni, in misura molto ridotta, possono modificare la nostra vista, ma solo temporaneamente.

Durante la gravidanza e l’allattamento, dunque, è normale avere un piccolo aumento della miopia, perché aumenta lo spessore della cornea, causato a sua volta dall’aumento di estrogeni e di progesterone: se fate difficoltà a mettere a fuoco, a vedere bene, sappiate che si tratta semplicemente di una situazione temporanea e la situazione, dopo il parto e l’allattamento, ritornerà ai livelli precedenti.

Sarebbe opportuno, comunque, fare dei controlli per la vista dal vostro oculista di fiducia durante i nove mesi di gravidanza e durante l’allattamento, per poter tenere sotto osservazione una situazione di miopia già eventualmente in atto.

Potrebbe capitare che, durante la gravidanza, proprio a causa di questa modifica della cornea e del cristallino, le donne che usano lenti a contatto possono provare fastidio e dolore: sarebbe meglio limitarne l’uso fin dopo in gravidanza, utilizzando dei normali occhiali da vista o tenendo le lenti sugli occhi per non più di 4 ore alla volta. Dall’ottavo mese in poi, invece, sono sconsigliate

Via | Rcs

Foto | da Flickr di damien-cansse

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.