Benessereblog Alimentazione Nutrizione Il latte fa male al fegato?

Il latte fa male al fegato?

Il consumo moderato di latte - specie a ridotto contenuto di grassi - non fa male al fegato nelle persone sane. Tuttavia, il fegato è coinvolto nella metabolizzazione delle proteine, e l'eccessivo consumo di proteine animali nel latte potrebbe metterlo sotto pressione. Alcuni studi condotti in merito, tuttavia, rassicurano sul fatto che bere latte non comporti conseguenze negative sulla salute dell'organo e che chi lo beve abbia minore probabilità di sviluppare la steatosi epatica non alcolica.

Il latte fa male al fegato?

Fonte immagine: Pexels

E’ vero che il latte fa male al fegato? Tale popolare bevanda, ampiamente consumata da adulti e bambini in ogni parte del mondo, è generalmente sicura per la salute, a patto che non si soffra di intolleranza al lattosio. Ma cosa comporta sul fegato? Ha effetti nocivi su questo organo? In questo articolo esploriamo quali sono le possibili conseguenze legate al suo consumo e suggeriamo alternative salutari e cibi da evitare per mantenere un fegato sano.

Cosa fa il latte al fegato?

Il latte contiene proteine, grassi e carboidrati, e il suo consumo in quantità moderate di solito non provoca danni al fegato nelle persone sane. Tuttavia, il fegato è responsabile della metabolizzazione dei nutrienti, e alcuni studi suggeriscono che il consumo eccessivo di proteine animali, come quelle presenti nel latte, potrebbe mettere sotto pressione questo organo. Se una cosa è certa, è che tale bevanda è un concentrato di sostanze nutritive benefiche per la salute generale. Contiene proteine ​​essenziali, vitamine, minerali e grassi sani che contribuiscono alla funzionalità e alla riparazione del fegato.

Diversi studi scientifici condotti in merito supportano il consumo di latte per la salute del fegato. Una ricerca pubblicata sul Journal of Hepatology, ad esempio, ha dimostrato come chi consumi quantità maggiori di prodotti lattiero-caseari abbia una minore probabilità di sviluppare la steatosi epatica non alcolica (NAFLD). Ad avere un ruolo benefico in tal senso sarebbero le proteine ​​del siero di latte, che vantano proprietà antinfiammatorie e antiossidanti che possono contrastare e ridurre l’infiammazione del fegato e lo stress ossidativo (caratteristiche tipiche della steatosi epatica).

Un altro studio – pubblicato questa volta sul Journal of Nutrition – ha dimostrato che il consumo regolare di latticini, compreso il latte magro, è associato a un ridotto rischio di accumulo di grasso nel fegato. Il consumo di latte, specie quello a basso contenuto di grassi, non è quindi controindicato per la salute del fegato, anzi, le sue proteine ​​possono evitare futuri danni al fegato.

Il latte fa male al fegato?
Fonte: Pexels

Quale bevanda fa bene al fegato?

L’acqua è la bevanda migliore per il fegato e il corpo in generale. Aiuta a mantenere il corpo idratato e supporta le funzioni del fegato, aiutandolo a svolgere le sue attività di detossificazione in modo efficiente. Bere abbastanza acqua ogni giorno è essenziale per una buona salute epatica e generale. Oltre questa, benefiche possono essere alcune tisane o il tè verde. I risultati provenienti da uno studio specifico hanno dimostrato come l’assunzione di tè verde sia un fattore protettivo per le malattie del fegato.

Perché è meglio non bere il latte?

Esistono diversi casi in cui alcuni soggetti dovrebbero evitare il consumo di latte, ed altri in cui invece lo si esclude per scelta dalla propria alimentazione. Alcune persone sono intolleranti al lattosio, lo zucchero presente nel latte, e possono sviluppare sintomi digestivi come gonfiore, crampi addominali e diarrea dopo averlo consumato. Altre possono invece essere allergiche alle proteine del latte, e il consumo della bevanda può scatenare reazioni come eruzioni cutanee, prurito o difficoltà respiratorie. In altri soggetti che non sono allergici o intolleranti, infine, il consumo di latticini può causare gonfiore, gas o altre sensazioni di disagio.

Quali sono i cibi che affaticano il fegato?

Alcuni cibi e bevande possono mettere sotto pressione il fegato e danneggiarlo se consumati in eccesso. Tra questi si annoverano:

  • Alcolici: l’alcol è noto per essere particolarmente dannoso per il fegato, poiché può causare infiammazione e persino danni permanenti.
  • Cibi grassi e fritti: alimenti ad alto contenuto di grassi saturi o fritti possono sovraccaricare il fegato, rendendo difficile il suo normale funzionamento.
  • Zuccheri e dolci: il consumo eccessivo di zuccheri può portare all’accumulo di grasso nel fegato.

In conclusione, mentre il latte consumato in quantità moderate di solito non danneggia il fegato, sarebbe preferibile consumare quello a basso contenuto di grassi per evitare di incorrere in complicazioni qualora si abbiano dei problemi di natura epatica. Evitate cibi grassi, fritti e zuccherati, oltre all’abuso di alcol, per preservare la salute dell’organo.

FONTI:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.