Benessereblog Salute In Italia primo intervento di un robot per un impianto di stent al cuore

In Italia primo intervento di un robot per un impianto di stent al cuore

Il braccio meccanico del robot viene guidato dal chirurgo, permettendo così dei movimenti più precisi. L'intervento sul cuore di un 64enne è riuscito bene.

In Italia primo intervento di un robot per un impianto di stent al cuore

In Italia è stato eseguito il primo intervento di angioplastica tramite l’utilizzo di un robot. Il paziente è stato un uomo di 64 anni: colpito da un infarto, le sue coronarie avevano bisogno di uno stent. Al posto di utilizzare le normali procedure di impianto dello stent, è stato utilizzato un robot per eseguire l’angioplastica. Ovviamente il robot è stato guidato dal chirurgo tramite apposita consolle. L’intervento è stato realizzato dal dottor Ciro Indolfi, ordinario di Cardiologia e direttore del Centro Ricerche Malattie Cardiovascolari presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro.

Un robot per operare il cuore? E’realtà

La strada è ormai segnata: è probabile che in futuro vengano realizzati sempre più interventi con questa metodica, soprattutto nell’ambito della cardiochirurgia. L’intervento in questione è andato benissimo: l’operazione è stata eseguita il 22 gennaio e due giorni dopo il paziente è stato dimesso.

Il dottor Ciro Indolfi ha così spiegato: “Il nostro robot ci ha consentito di effettuare con precisione tutti i passaggi: è stata eseguita prima la dilatazione della stenosi con un palloncino entrando dall’arteria del polso e poi è stato impiantato uno stent medicato”. E ancora: “Il sistema è costituito da un braccio mobile meccanico che provvede all’avanzamento e alla rotazione delle guide metalliche, dei cateteri e degli stent tramite sensori. Tali movimenti sono eseguiti con estrema precisione, grazie alla visione amplificata dell’area interessata, e questo riduce il rischio di errore e recidiva”.

Il dottor Indolfi ha poi sottolineato come la cardiologia sia la branca della medicina in cui maggiormente vengono introdotte innovazioni tecnologiche, cosa che ha permesso un netto allungamento della durata della vita. L’angioplastica è una tecnica che già si avvale di sistemi e protocolli avanzati, ma grazie alla robotica i rischi diminuiranno ulteriormente e sarà possibile effettuare interventi a distanza.

Via | Ansa

Foto | iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come combattere la sarcopenia
Malattie

Per combattere la sarcopenia, è fondamentale adottare un approccio multifattoriale. L’esercizio fisico regolare, che includa attività di resistenza e forza, stimola la crescita e mantiene la funzionalità muscolare. Una dieta bilanciata, ricca di proteine di alta qualità, vitamine e minerali, favorisce la sintesi proteica muscolare. Mantenere uno stile di vita attivo, evitando il sedentarismo, contribuisce a preservare la salute dei muscoli.