Benessereblog Salute Gastroenterite da cozze, rischi anche a distanza di tempo

Gastroenterite da cozze, rischi anche a distanza di tempo

Gastroenterite da cozze: anche a distanza di tempo potrebbero comparire i sintomi, ecco quali sono e come ridurre il rischio

Gastroenterite da cozze, rischi anche a distanza di tempo

Sapevate che la gastroenterite da cozze potrebbe manifestarsi anche molto tempo dopo aver mangiato i frutti di mare? A suggerirlo sono i ricercatori dell’Università di Exeter, secondo i quali i batteri che solitamente provocano questo particolare disturbo potrebbero rimanere “dormienti”, per poi attivarsi in un secondo momento e provocare appunto la gastroenterite.

Ma in che modo accade questo? Secondo gli esperti, il Vibrio parahaemolyticus, ovvero il batterio marino che causa la gastroenterite nell’uomo quando si consumano crostacei crudi o poco cotti, rimane dormiente in condizioni “sfavorevoli”, come ad esempio in caso di basse temperature.

A detta degli autori dello studio – pubblicato sulle pagine della rivista Plos Pathogens – tale batterio potrebbe rimanere in quello stato di “ibernazione” anche per lunghi periodi. Pare inoltre che una determinata popolazione di queste cellule dormienti sia maggiormente in grado di “risvegliarsi”:

Questa popolazione ha una migliore capacità di rianimarsi quando le condizioni migliorano.

Gastroenterite da cozze: i sintomi e come evitarla

Ma concretamente, quali potrebbero essere le conseguenze di tale scoperta? Semplice. Secondo gli autori dello studio i loro risultati potrebbero avere delle implicazioni per quanto riguarda la sicurezza dei frutti di mare, dal momento che le cellule dormienti non sono rilevabili mediante i normali test di screening microbiologici. La loro reale carica batterica potrebbe quindi essere sottostimata nei frutti di mare potenzialmente contaminati.

Ma come fare a proteggersi da questo rischio? Se non conoscete l’esatta provenienza delle cozze, sia crude che cotte possono mettere a rischio la salute del vostro stomaco. Potrebbero causare, in particolar modo, sintomi come diarrea, crampi allo stomaco, febbre e vomito. E no, una spruzzatina di limone purtroppo non serve a risolvere la situazione.

Anche in caso di cozze cotte, cercate di informarvi sempre sulla provenienza del prodotto, e mangiatele solo se cucinate e trattate in modo corretto da un punto di vista igienico.

via | Ansa
Foto di RitaE da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Aerosol con bicarbonato fai da te: funziona?
Terapie e Cure

L’aerosol con bicarbonato di sodio funziona, come dimostrano recenti studi scientifici, anche se gli studiosi stanno ancora analizzando con cura tutte le potenzialità del rimedio naturale. Si può ricorrere al bicarbonato in caso di problemi alle vie respiratorie, come un raffreddore, e in presenza di abbondante muco, per scioglierlo e iniziare subito a respirare meglio. Non ci sarebbero controindicazioni ed effetti collaterali noti.