Benessereblog Salute Fumo e cancro alla prostata, confermato il legame

Fumo e cancro alla prostata, confermato il legame

Esiste un legame fra il fumo di sigaretta ed il rischio di cancro alla prostata, ed a confermarlo è un nuovo studio condotto dai membri della MedUni Vienna e del Basilea University Hospital.

Fumo e cancro alla prostata, confermato il legame

Cancro alla prostata e fumo sono strettamente collegati. Questo è quanto emerge da uno studio basato sui dati provenienti da 6 studi internazionali sul cancro, che hanno coinvolto 7.191 pazienti. Lo studio in questione dimostrerebbe che, dopo la rimozione della ghiandola prostatica a causa del cancro alla prostata, i fumatori e gli ex-fumatori corrono un rischio molto più elevato (quasi del doppio) di recidiva di carcinoma della prostata (recidiva biochimica – BCR).

I risultati del nostro studio sottolineano l’importanza di informare un malato di cancro alla prostata sugli effetti negativi del fumo

commentano gli autori della ricerca, che sottolineano come l’impatto negativo del fumo sul rischio di recidiva biochimica del cancro alla prostata possa essere compensato entro 10 anni dal momento in cui una persona decide di smettere di fumare.

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare. Come dimostra il nostro studio, al contrario, ha senso smettere, anche se si è già affetti da cancro alla prostata.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.