Benessereblog Salute Malattie Qual è la differenza tra morbo di Crohn e colon irritabile

Qual è la differenza tra morbo di Crohn e colon irritabile

Sebbene apparentemente simili in quanto a disturbi, il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica dell'intestino che coinvolge diverse parti del tratto gastrointestinale e che richiede una gestione medica specialistica e talvolta interventi chirurgici. Il colon irritabile, invece, è una condizione funzionale senza infiammazione o danni strutturali evidenti, caratterizzata da sintomi come dolore addominale, gonfiore e alterazioni delle abitudini intestinali.

Qual è la differenza tra morbo di Crohn e colon irritabile

Fonte immagine: Pixabay

Il morbo di Crohn e il colon irritabile sono due disturbi gastrointestinali comuni che possono causare sintomi simili, ma sono condizioni distinte. Comprenderne le differenze è importante per una corretta diagnosi e per un trattamento adeguato. In questo articolo esploreremo le caratteristiche dell’uno e dell’altro, mettendo in luce le loro differenze principali. Vediamo come capire se si ha la sindrome del colon irritabile e come accertare che, invece, si tratta della malattia di Crhon.

Cos’è il morbo di Crohn

Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica dell’apparato digerente che può interessare qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, dalla bocca all’ano. Questa patologia provoca infiammazione delle pareti intestinali, che può estendersi in profondità, creando ulcere e danni al tessuto. I sintomi comuni includono dolore addominale, diarrea persistente, perdita di peso, affaticamento e sanguinamento rettale. Il morbo di Crohn può causare complicazioni gravi, come occlusioni intestinali, fistole e carenza nutrizionale. È considerata una malattia autoimmune e richiede spesso una gestione a lungo termine con farmaci immuno-modulatori e interventi chirurgici in alcuni casi.

Cos’è il colon irritabile

Il colon irritabile, noto anche come sindrome dell’intestino irritabile, è un disturbo funzionale dell’intestino che causa sintomi gastrointestinali senza una causa organica identificabile. I sintomi più comuni includono dolore addominale ricorrente, gonfiore, diarrea e/o stitichezza. A differenza del morbo di Crohn, la sindrome del colon irritabile non provoca infiammazione o danni strutturali all’intestino. La sua causa esatta non è chiara, ma si ritiene che diversi fattori, come lo stress, la sensibilità alimentare e le alterazioni della motilità intestinale, possano contribuire alla sua insorgenza. Il trattamento del colon irritabile si concentra principalmente sulla gestione dei sintomi, e può includere modifiche nella dieta, farmaci per il controllo del dolore e tecniche di gestione dello stress.

Qual è la differenza tra morbo di Crohn e colon irritabile

Sebbene possano condividere alcuni sintomi comuni come il dolore addominale e la diarrea, il morbo di Crohn e il colon irritabile sono due disturbi gastrointestinali distinti. La principale differenza tra i due riguarda la natura del disturbo: il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica con danni strutturali all’intestino, mentre il colon irritabile è un disturbo funzionale senza infiammazione o danni strutturali. Il secondo, rimane una condizione medica generalmente benigna che, nonostante possa causare disagio e interferire con la qualità di vita, non evolve in condizioni gravi o preoccupanti come la malattia di Crohn. Quest’ultima, invece, può portare a complicanze, come stenosi, fistole e perforazioni intestinali, rendendo necessari interventi chirurgici ripetuti nel corso della vita dei pazienti.

Una ulteriore differenza riguarda le evacuazioni. Come si presentano le feci con il morbo di Crohn? Si tratta di diverse scariche di diarrea al giorno aventi una composizione semiliquida o acquosa, ma senza anche la presenza di sangue (almeno di quello visibile all’occhio). Alcune volte sono ricche di grasso (per questo vengono chiamate feci grasse o steatorrea). Le feci nell’ambito della sindrome dell’intestino irritabile sono invece molli o non formate. Ma in una percentuale non indifferente dei casi (ovvero il 25%) si presentano dure, a palline, sotto forma di noduli separati e duri difficili da evacuare. A episodi di diarrea, tuttavia, si alternano più o meno seri episodi di stipsi. Inutile dire come, in entrambi i casi, una diagnosi accurata sia essenziale per garantire il trattamento appropriato e la gestione dei sintomi.

FONTI:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.