Benessereblog Salute Demenza: meno rischi per chi legge e scrive molto

Demenza: meno rischi per chi legge e scrive molto

Demenza: meno rischi per chi legge e scrive molto

Leggere e scrivere aiutano a proteggere il nostro cervello dal rischio di demenza. Questo è ciò che è emerso da un recente studio condotto dai membri della Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons di New York e pubblicato sulle pagine della rivista Neurology, i cui autori hanno arruolato un campione di quasi 1000 persone con un’età media 77 anni, tra cui 237 analfabeti.

All’inizio dello studio, il 35% dei partecipanti classificati come analfabeti soffriva già di demenza, contro il 18% dei partecipanti che invece erano in grado di leggere e scrivere. A distanza di quattro anni dall’inizio dello studio la percentuale di analfabeti con demenza era del 48%, contro il 27% delle persone che invece sapevano leggere e scrivere.

A conti fatti sembra che, a parità di condizioni come l’età, il sesso, lo stato socioeconomico e la salute cardiovascolare dei soggetti esaminati, le persone analfabete correrebbero un rischio di demenza quasi tre volte maggiore rispetto a quello riscontrato nelle persone che sanno leggere e scrivere. Ma a cosa sarà dovuta questa particolare associazione? A spiegarlo sono gli stessi autori dello studio, che ricordano:

Essere in grado di leggere e scrivere consente alle persone di intraprendere un maggior numero di attività che coinvolgono le risorse mentali, come leggere il giornale o aiutare i nipoti coi compiti a casa. Precedenti studi hanno dimostrato che tali attività si associano a un rischio ridotto di demenza. Il nostro lavoro fornisce nuove prove del fatto che leggere e scrivere potrebbero essere fattori importanti per mantenere il cervello sano.

via | Ansa
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Alanina aminotransferasi alta: cosa fare?
Malattie

Vediamo l’Alanina Aminotransferasi alta nel sangue, cos’è e quali sono le funzioni di questo enzima che può fornire indicazioni sulla salute del fegato.