Benessereblog Benessere Psicologia Curare le dipendenze grazie alla realtà virtuale

Curare le dipendenze grazie alla realtà virtuale

La realtà virtuale può aiutare a curare le dipendenze? Ecco cosa rivelano gli esperti.

Curare le dipendenze grazie alla realtà virtuale

La realtà virtuale potrebbe aiutare a curare le dipendenze. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri del Monash Institute di Melbourne, i quali hanno creato un nuovo programma per studiare il cervello in condizioni di dipendenza. Il programma si chiama BrainPark, e sembra stia dando davvero dei risultati promettenti per quanto riguarda lo studio e la cura di condizioni come la dipendenza da droga, alcool o da gioco d’azzardo. Il tutto, dal momento che non prevede la somministrazione di farmaci, potrebbe rappresentare un punto di svolta per il trattamento delle malattie mentali.

Mediante la realtà virtuale, le persone che soffrono di ludopatia potrebbero ad esempio ritrovarsi “catapultate” in una versione virtuale di una sala giochi, ed imparare a gestire meglio la situazione e combattere il proprio disturbo.

Possiamo misurare la risposta cerebrale fisiologica delle persone verso differenti aspetti del gioco d’azzardo in un ambiente virtuale ed esaminare quali aspetti sono più legati al comportamento da dipendenza. Tradizionalmente

spiegano gli autori dello studio

le dipendenze sono trattate secondo il tipo, come assistenza psicologica per la ludopatia e farmaci per le crisi di astinenza o l’ansia. Ma questo non funziona per tutti. Noi vogliamo offrire un nuovo approccio per diagnosticare e trattare la compulsione, sfruttando i benefici offerti dalla tecnologia.

via | Ansa
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.