Benessereblog Salute Malattie Cosa fare in caso di slogatura alla caviglia

Cosa fare in caso di slogatura alla caviglia

I rimedi più efficaci in caso di slogatura alla caviglia: ghiaccio nell'immediato, fasciatura elastica stretta nel corso dei giorni successivi, riposo quasi assoluto e nessuno sforzo della parte interessata dalla distorsione.

Cosa fare in caso di slogatura alla caviglia

La distorsione della caviglia è uno degli incidenti ortopedici più frequenti negli sportivi che praticano discipline dove si sollecitano facilmente le articolazioni e i legamenti del piede, come pallavolo, calcio o basket, ma è facile che capiti anche a chi non è uno sportivo. Visto che a seconda della stiratura del legamento può essere particolarmente dolorosa, è importante sapere cosa fare in caso di slogatura alla caviglia.Innanzitutto bisogna accertarsi sul grado di distorsione, che può variare da 0 a 3: nel grado zero il dolore scompare nel giro di pochi minuti, mentre nel grado di slogatura più alto, il 3, il gonfiore è immediato e con versamento di sangue e il dolore si presenta molto intenso, al punto che il paziente non può né muovere il piede né sopportare che qualcuno provi a farlo.

Prima di correre immediatamente al pronto soccorso più vicino se la situazione dovesse presentarsi più grave del previsto, è bene prendere delle veloci precauzioni per impedire ulteriori danni alla caviglia dopo il trauma della distorsione.

Un impacco di ghiaccio può aiutare a non farla gonfiare eccessivamente, a patto che non sia applicato a contatto con la pelle: il freddo anestetizza il dolore e impedisce un eccessivo afflusso di liquidi post-trauma alla caviglia, mitigando le eventuali contratture muscolari riflesse che possono acuire la sofferenza. È bene mantenere le applicazioni di ghiaccio per almeno venti minuti.

Se si notano delle piccole chiazze rosse è probabile che si siano rotti alcuni vasi sanguigni e oltre agli impacchi di ghiaccio si deve fasciare la caviglia con una benda elastica che la tenga ferma; è consigliabile recarsi in pronto soccorso se il dolore non dovesse diminuire nel giro di qualche ora, perché potrebbero esserci delle microlesioni a carico dei legamenti, potenzialmente dannose se trascurate. In questo caso si procederà ad un’ecografia per verificare l’effettivo “stiramento” dei legamenti e si prescriverà il riposo assoluto e l’uso di stampelle, in modo da permettere alla caviglia di guarire completamente.

Nel caso del grado 3, il più grave delle slogature alla caviglia, i legamenti potrebbero essere rotti e si dovrà intervenire chirurgicamente per ristabilirli: la chirurgia moderna permette operazioni in artroscopia, non particolarmente invasive, che richiedono comunque una riabilitazione e un recupero di circa 60 giorni.

Via | Risorseonline

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come combattere la sarcopenia
Malattie

Per combattere la sarcopenia, è fondamentale adottare un approccio multifattoriale. L’esercizio fisico regolare, che includa attività di resistenza e forza, stimola la crescita e mantiene la funzionalità muscolare. Una dieta bilanciata, ricca di proteine di alta qualità, vitamine e minerali, favorisce la sintesi proteica muscolare. Mantenere uno stile di vita attivo, evitando il sedentarismo, contribuisce a preservare la salute dei muscoli.