Benessereblog Salute Come curare una microfrattura al piede

Come curare una microfrattura al piede

La cura della microfrattura impone riposo e un po’ di attenzione, per evitare di sollecitare la zona dolorante.

Come curare una microfrattura al piede

Guarda la galleria: Curare una microfrattura al piede

Le microfratture sono incidenti dolorosi e poco gravi, ma difficili da trattare, perché non si possono ingessare. Come avviene? È tipica degli arti inferiori, soprattutto le dita dei piedi e le caviglie. Potrebbe succedere di prende un colpo, magari inciampando, o di indossare delle scarpe che posso creare instabilità o semplicemente a volte la frattura si crea a seguito di sollecitazioni dovute a uno sforzo o a un movimento ripetuto.

È infatti un disturbo tipico delle ballerine di danza classiche, che con le punte mettono a dura prova i loro piedi. Come si riconosce una microfrattura? Un dolore prolungato in un punto specifico del piede, dolore che diventa più acuto camminando e che quasi svanisce a riposo. In alcuni casi si manifesta con gonfiore o un’eventuale piccola deformazione dell’arto. Questa è la situazione generale, ora la domanda è un’altra: come si cura?

Foto | Pinterest

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.